Il Consiglio provinciale di Terni si è riunito ieri pomeriggio, 6 dicembre, a Orvieto, ospitato nella sala consiliare del Comune dove è stato accolto dal Sindaco Roberta Tardani. E’ stata la prima volta di una convocazione lontano dalla sede istituzionale di Palazzo Bazzani che dà seguito agli impegni annunciati dalla Presidente Laura Pernazza di svolgere sedute consiliari nei Comuni per testimoniare la vicinanza della Provincia ai territori.

“Ringrazio il Sindaco Tardani per averci accolto e ospitato”, ha detto la Pernazza. “La presenza qui oggi – ha aggiunto – concretizza agli impegni che ci eravamo assunti e conferma la grande attenzione per tutte le realtà del nostro vasto territorio, oltre che la volontà di fare della Provincia la Casa dei Comuni. Su Orvieto l’attenzione, la collaborazione e la presenza dell’amministrazione continueranno.

Già il 13 dicembre – ha annunciato la Presidente – sarò presente all’inaugurazione del nuovo ascensore installato al liceo Artistico, ma voglio anche ricordare gli investimenti che la Provincia sta facendo e farà su viabilità, sicurezza stradale, scuole, turismo, cultura e ricerca, utilizzando i fondi del Pnrr e tutti gli altri canali di finanziamento possibili. Con il Comune di Orvieto – ha poi sottolineato – abbiamo pochi giorni fa rinnovato la convenzione per la gestione del complesso del San Giovanni che rientra nella promozione culturale della città.

Sulla ricerca abbiamo recentemente sottoscritto il nuovo accordo con il Cnr e con il Comune di Porano per la sede di Villa Paolina. L’accordo – ha rimarcato – garantisce una stabilità all’istituto, consolida il rapporto con le scuole e dà sicurezza ai dipendenti. Un grazie sentito al Sindaco Tardani per l’impegno che mette ogni giorno e complimenti per il grande lavoro che sta facendo insieme alla sua amministrazione”.

Il Sindaco Roberta Tardani ha dichiarato: “La presenza della Provincia è un grande segnale positivo dopo anni di abbandono. E’ un segnale concreto di attenzione e di collaborazione oltre che di vicinanza e di rispetto verso i territori. Il mio ringraziamento va alla Presidente Pernazza e a tutto il Consiglio provinciale”.

Il Consiglio provinciale ha approvato con i voti della maggioranza e il voto contrario dell’opposizione lo schema di bilancio di previsione 2024-2026 che conferma le aliquote precedenti in materia di Rc Auto, Ipt e Tefa. La Presidente Pernazza ha sottolineato l’importanza e la soddisfazione per la riduzione dei tempi di pagamento dei fornitori che in media si attestano a 23 giorni. Sempre la Presidente ha posto poi l’accento sulla gestione rigorosa dei conti, sui risvolti positivi derivanti dalla ricognizione debiti/crediti con i Comuni e sul fatto che si sta lavorando alla definizione di un medesimo accordo anche con la Regione.

Molto importante infine anche la riorganizzazione della macchina amministrativa. Oltre a nuove assunzioni e a nuove progressioni interne, prevista anche l’istituzione dell’avvocatura utilizzando personale dell’ente. “In questo modo si riducono i costi e si abbreviano i tempi ed in più si potrà offrire un servizio qualificato anche ai Comuni”, ha spiegato la Pernazza.

“La situazione positiva di oggi è frutto anche della condotta virtuosa della passata amministrazione di centrosinistra che ha portato la Provincia fuori dal predissesto nella quale si era trovata a causa dei tagli imposti dal governo centrale”, ha affermato il capogruppo di “Nuova Provincia Terni Daniele Longaroni.

“La buona situazione dei conti di oggi non è dovuta al fatto che il centrosinistra ha superato il predissesto”, hanno replicato la Presidente Pernazza e il vice Gianni Daniele. “I tagli – hanno puntualizzato – avevano interessato tutte le Province italiane. Questa amministrazione, a differenza del passato, ha usato le risorse disponibili per investire sui territori e sullo sviluppo ed ha sancito così un netto cambio di passo rispetto a chi ci ha preceduto.

Abbiamo inoltre avviato un potenziamento degli uffici e dei servizi che punta a mettere la Provincia nelle condizioni di gestire al meglio le sfide che ci troviamo di fronte, anche con le grandi opportunità offerte dal Pnrr”.