Cerca

“Ritengo gravissimo, e non intendo tollerare ulteriormente – dichiara in una nota la presidente Sara Francescangeli –  il comportamento tenuto dalla minoranza di centro destra negli ultimi giorni, nei confronti della presidenza del Consiglio Comunale, al fine di piegarne ed orientarne le determinazioni, nonostante avesse già rassicurato ed argomentato sulle richieste avanzate.

Ricevo da giorni pressioni dirette ed indirette, esplicite e non, dai toni palesemente intimidatori da esponenti, anche qualificati, della minoranza di centro destra. Minoranza che pretende il rispetto rigoroso di norme, che peraltro in parte ignora, a proprio comodo, quando chiede, invece, di derogare alla osservanza di quelle stesse norme, laddove non collimino con le proprie esigenze, invocando, a gran voce, il rispetto degli spazi e della rappresentatività delle minoranze.

Ricordo che il Presidente del consiglio comunale, per giurisprudenza costante, è la figura posta a garanzia del corretto funzionamento di detto organo e della corretta dialettica tra maggioranza e minoranza. Laddove, nel corretto funzionamento dell’assise vanno contemperate, da parte del Presidente, molte esigenze, spesso confliggenti, e di più o meno gradata rilevanza per l’interesse pubblico. Unico faro dell’azione amministrativa.

La dialettica politica non può e non deve investire la presidenza del Consiglio Comunale, alla quale non vanno paventate mozioni di sfiducia, del tutto immotivate e destituite di fondamento, solo per ottenere il risultato sperato.

Nel rivendicare la neutralità e l’autonomia della funzione che rivesto, auspico che prevalga rapidamente un atteggiamento improntato al rispetto delle istituzioni, alla correttezza, alla legalità ed al buon senso, auspico, inoltre, che ulteriori iniziative vengano ponderate anche, e soprattutto, nel più totale rispetto dei cittadini”.