“C’è aria di regime ad Amelia dove chi critica la situazione dell’ospedale Santa Maria dei Laici viene denunciato e chi fa domande sulle pagine social istituzionali viene bloccato. La sindaca Laura Pernazza, invece di preoccuparsi di difendere il diritto alla salute della sua comunità, preferisce mettere il bavaglio a chi tenta di svelare le carenze della sanità pubblica e le scelte nefaste del centrodestra che guida la Regione”: lo afferma il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Thomas De Luca in una nota congiunta con il collega consigliere provinciale di Terni Federico Pasculli.

“Dopo un mare di promesse su nuovi ospedali e servizi che non sarebbero stati dismessi – si legge nella nota, secondo quanto riferisce l’ufficio stampa della Regione – la sindaca nonché presidente della provincia di Terni, addirittura sporge denuncia contro ignoti per il finto manifesto funebre apparso per le vie di Amelia il primo gennaio. Colpevole semplicemente di aver ricordato alla cittadinanza che dal nuovo anno il nosocomio amerino, per effetto delle direttive della Usl Umbria 2, è diventato ospedale di comunità, una ventina di posti letto senza alcun servizio di eccellenza, utile giusto per il decorso di patologie curate per lo più altrove. In sostanza, un ospedale per modo di dire. Tutto questo in netto contrasto con quanto promesso e sbandierato dalla sindaca Pernazza e dalla presidente della Regione, Donatella Tesei, rispetto al ripristino della funzionalità di alcuni servizi e reparti provvisoriamente chiusi”.

“Più volte sollecitata negli ultimi mesi – prosegue la nota del M5s – la sindaca Pernazza non ha mai ritenuto opportuno rispondere sulla grave situazione dell’ospedale, sull’assenza del medico al punto di primo soccorso, sui ricoveri e sugli interventi che non si fanno più. Nessuna parola nemmeno sullo smantellamento definitivo del laboratorio analisi che operava su tutto il territorio. Per di più sulle pagine istituzionali vengono bloccati cittadini che hanno l’unica colpa di fare delle domande su questa situazione. Domande a cui evidentemente non si possono dare risposte perché sarebbero troppo imbarazzanti. La sindaca Pernazza, dalla denuncia facile ma dalla memoria corta, dimentica la votazione di due atti del consiglio comunale per la convocazione di altrettanti consigli aperti sulla sanità, uno nel 2020 e l’altro nel 2021. I cittadini di Amelia ancora non sanno quando questi consigli saranno convocati. In compenso, adesso sanno che la sindaca non si fa scrupoli a bloccare e denunciare chi critica la situazione della sanità pubblica”.