Anche a Spoleto il corso di formazione aziendale sulla prevenzione e il contrasto alla violenza di genere, dal titolo “Interdisciplinarità nel Codice Rosa”, seconda edizione, ha registrato una grande adesione.

Sala Laureti al completo, per un percorso formativo che si pone l’obiettivo di potenziare la rete territoriale e ospedaliera per debellare il fenomeno della violenza di genere e portare un sostegno concreto e completo alle donne in pericolo, che necessitano di un aiuto qualificato.
Una battaglia di civiltà che vede insieme tutti, dai professionisti sanitari, ai servizi sociali, dalle forze dell’ordine agli operatori dei Cav.
Questa iniziativa capillare dell’azienda Usl Umbria 2, nata su input della direzione strategica e promossa dal Cuf, Centro Unico di Formazione in Sanità, dal Servizio Formazione e Comunicazione, dalla direzione ospedaliera del “San Matteo degli Infermi”, dal distretto di Spoleto e dal gruppo di lavoro aziendale impegnato nell’organizzazione degli incontri itineranti, si inquadra in questo sforzo collettivo, in questo impegno quotidiano per cancellare ogni forma di violenza e sopraffazione.
“Vorrei ringraziare il gruppo di lavoro aziendale e la coordinatrice scientifica dott.ssa Chiara Della Vedova – afferma il direttore del presidio ospedaliero di Spoleto dott. Sergio Guido – ed esprimere grande apprezzamento per l’alta adesione e per i risultati conseguiti grazie alla partecipazione attiva dei nostri professionisti che, nel corso dell’utile confronto, hanno avanzato proposte e quindi definito azioni e misure più forti e coordinate che saranno di grande aiuto per la nostra attività quotidiana”.
Terzo appuntamento venerdì prossimo, 17 maggio, a Foligno, nella sala Alesini