Lo scorso fine settimana, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Spoleto hanno denunciato un giovane, classe 2004, per il reato di guida in stato di ebbrezza.

L’auto condotta dal 19enne è stata notata dai poliziotti in piena notte, mentre si aggirava nel centro cittadino. Insospettiti, gli agenti hanno deciso di sottoporre il conducente e il passeggero ad un controllo più approfondito ma, nonostante le ripetute intimazioni all’alt, anche attraverso l’uso dei dispositivi di segnalazione, il giovane si è rifiutato di fermare il veicolo, accelerando e cercando di darsi alla fuga.

Dopo un breve inseguimento, i poliziotti hanno notato che il conducente, dopo aver perso il controllo dell’automobile, si era ribaltato andando a finire con la propria auto fuori strada, nei pressi del fiume Tessino.

Constatato che né il conducente né il passeggero necessitavano delle cure dei sanitari, i poliziotti hanno sottoposto alla prova dell’etilometro il 19enne, accertamento che ha dato esito positivo.

Il giovane, infatti, è risultato avere un tasso alcolemico superiore al limite consentito.

Per questo motivo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato previsto dall’art.186 del Codice della Strada, con contestuale ritiro della patente.

Il 19enne, inoltre, è stato sanzionato amministrativamente per non aver ottemperato all’invito a fermarsi, per aver superato i limiti di velocità e per aver perso il controllo del veicolo.

L’indagato deve presumersi innocente fino a sentenza definitiva di condanna.