Sabato pomeriggio, gli agenti della Polizia di Stato di Perugia, intervenuti presso un’abitazione del Capoluogo per una violenta lite in famiglia, hanno tratto in arresto un uomo – classe 1984, con precedenti di polizia per maltrattamenti in famiglia – per il reato di tentato omicidio aggravato.

Gli agenti, giunti presso l’abitazione segnalata, hanno sorpreso il 39enne con in pugno un oggetto contundente – poi risultato essere il frammento di una brocca in vetro utilizzata per l’aggressione e il padre di quest’ultimo ferito gravemente.

Vista la gravità della situazione, gli operatori hanno contenuto in sicurezza l’uomo, consentendo ai sanitari di prestare i primi soccorsi alla vittima che è stata poi accompagnata al pronto soccorso dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia in codice rosso.

Dagli approfondimenti effettuati, è emerso che, a seguito di una lite per futili motivi, il 39enne – affetto da problemi di salute – ha aggredito il padre colpendolo ripetutamente alla testa e al corpo con una brocca di vetro, poi frantumatasi. L’intervento della moglie della vittima – accorsa per separare le parti – ha poi evitato che la situazione degenerare, consentendo l’arrivo dei soccorsi e della Polizia di Stato.

Accompagnato in Questura per le attività di rito, il 39enne è stato tratto in arresto per tentato omicidio aggravato e, su disposizione del Pubblico Ministero, trattenuto presso la Casa Circondariale di Perugia – Capanne, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.