La diocesi celebra solennemente la festa del santo patrono, Valentino, primo vescovo di Terni e patrono principale della Città e della Diocesi. Valentino ha testimoniato con il suo martirio le meraviglie dell’amore del Signore. Padre fondatore della comunità cristiana, testimone di Cristo e martire della fede e della carità, è speciale patrono di quanti sono legati dalla dolcezza e dal fuoco dell’amore che rappresenta il fondamento della identità della comunità cristiana, appartenenza della cultura e spiritualità.

Il programma e le iniziative promosse per celebrare il santo patrono di Terni sono state presentate da mons. Francesco Antonio Soddu vescovo di Terni-Narni-Amelia, da mons. Salvatore Ferdinandi vicario generale della Diocesi di Terni-Narni-Amelia, da padre Johnson Perumittath parroco di San Valentino a Terni.

Da sempre vissuta come evento che rinsalda i legami storico-sociali e culturali della città, la festa del Santo patrono è in programma dal 26 gennaio al 23 marzo con varie manifestazioni religiose, culturali, musicali, artistiche, sociali legate dal tema: “Camminiamo insieme”.

Un’iniziativa che attraverso l’apertura di tavoli di ascolto, intende recepire problematiche, istanze e proposte da parte delle persone che vivono nei territori circostanti la basilica di San Valentino. L’obiettivo è di mettere in rete soggetti privati e istituzioni per dare risposte concrete che riqualifichino le relazioni di vita delle persone.

Le manifestazioni (il programma in pdf) prevedono le celebrazioni del solenne pontificale in Cattedrale a Terni, la festa della Promessa dei fidanzati, la festa delle Nozze d’argento e delle Nozze d’oro nella basilica di San Valentino. Inoltre, ci saranno concerti, presentazioni di libri, convegni sul tema della vita nascente, degli anziani e dei giovani.
Le manifestazioni si aprono il 26 gennaio nella chiesa di Sant’Antonio a Terni alle ore 21.15 con l’incontro testimonianza “Dal male di vivere alla gioia della fede” con l’attrice Beatrice Fazi.

Altro appuntamento di apertura delle manifestazioni è la Festa diocesana della Pace dell’Azione Cattolica Ragazzi per tutti i ragazzi degli Oratori e del catechismo che sono invitati sabato 27 gennaio presso la parrocchia Santa Maria Regina a Terni. Il tema “Cura-Te la Pace!” dedicato all’ambiente e alla sua salvaguardia con giochi, gare, amicizia e divertimento sviluppato negli interventi degli animatori e del Vescovo.

Sempre i giovani saranno protagonisti il 25 febbraio alle ore 9.30 con l’attività educativa per bambini e ragazzi “Alla ricerca di San Valentino” Caccia al tesoro a tappe organizzata da alcuni gruppi scout Agesci.

Le celebrazioni per i fidanzati e il pontificale

Il tradizionale appuntamento per i fidanzati domenica 4 febbraio con la celebrazione della festa della Promessa nella basilica di San Valentino alle ore 11, presieduta da mons. Francesco Antonio Soddu vescovo di Terni-Narni-Amelia, alla quale parteciperanno circa 40 coppie di fidanzati che si sposeranno entro l’anno provenienti da varie parti d’Italia.
Dal 5 febbraio al 13 febbraio novena di San Valentino animata dalle vicarie della Diocesi e dai Carmelitani.

Sabato 10 febbraio fiaccolata-pellegrinaggio alle ore 21, tappa del cammino in preparazione al Giubileo 2025, per il trasferimento dell’urna di San Valentino dalla basilica in Cattedrale, con la presenza dei movimenti e associazioni e animata dai gruppi giovanili della diocesi.

Domenica 11 febbraio alle ore 10 nella Cattedrale di Terni sarà celebrata la festa diocesana di San Valentino e la Giornata del malato, con il solenne pontificale presieduto dal vescovo Francesco Antonio Soddu, concelebrato dai vicari foranei ed episcopali, alla presenza delle autorità civili, delle autorità militari, assessori e consiglieri regionali dell’Umbria, dei sindaci dei Comuni del comprensorio diocesano, dei rappresentanti delle associazioni e movimenti della Diocesi. La parte musicale della celebrazione sarà curata dal Coro Diocesano.

Durante il pontificale verrà accesa la lampada votiva e recitato l’atto di affidamento della città al Santo Patrono, segno di devozione e della disponibilità degli amministratori pubblici ad essere attenti ai bisogni della comunità e a promuovere con onestà e saggezza ciò che giova al bene comune.

Terminato il pontificale, si terrà la processione cittadina per il rientro dell’urna del santo nella basilica di San Valentino, che transiterà lungo le vie della città, seguendo il percorso: piazza Duomo, via Aminale, corso del Popolo, piazza Ridolfi, piazza Europa, via Garibaldi, rotonda Filipponi, via Piave, rotonda M.L.King, strada delle Grazie, via fratelli Cervi, via G.M. Serrati, via San Valentino, via papa Zaccaria, basilica di San Valentino. Sul sagrato della chiesa ci sarà la benedizione conclusiva del Vescovo.

Il 13 febbraio sarà celebrata la Festa di San Valentino nella basilica del Santo alle ore 17.30 con la solenne messa presieduta da mons. Francesco Antonio Soddu.

Rappresentazioni artistiche e musica per raccontare San Valentino

Le manifestazioni valentiniane di quest’anno intendono riproporre la figura di san Valentino nei suoi aspetti storici, spirituali, nella testimonianza di amore e di carità verso Le manifestazioni valentiniane di quest’anno intendono riproporre la figura di san Valentino nei suoi aspetti storici, spirituali, nella testimonianza di amore e di carità verso il prossimo, il 7 febbraio presso la Biblioteca Comunale Terni alle ore 18.00 la Lectio magistralis: “Due maestri a confronto, Valentino e Cratone nella Passio sancti Valentini” relatori Fra Juri Leoni e Prof. Edoardo D’Angelo.

Il 20 febbraio al Cinema Politeama ore 18.00 la Drammatizzazione della Passio sancti Valentini curata da Riccardo Leonelli in collaborazione con Francesco Pepicelli e il Conservatorio Briccialdi in programma

Il convegno sull’epilessia organizzato dal Reparto di Neonatologia dell’Azienda ospedaliera di Terni con l’introduzione del Prof. Edoardo D’Angelo su: “San Valentino Taumaturgo” il 23 febbraio al Palasì di Terni.

Due appuntamenti musicali, il 24 febbraio presso la Basilica di San Valentino alle ore 18.30 con Oratorio di G. Puccini (1754) a cura del Conservatorio Briccialdi e il 16 marzo presso la Basilica di San Valentino ore 18.30 esecuzione del “Gloria“ di G.B. Gigli (1779)

Coro della Diocesi in collaborazione con il Liceo musicale “F. Angeloni”.

Premiazione del concorso “San Valentino di Terni: la storia oltre la leggenda” promosso dalla Diocesi di Terni-Narni-Amelia per le scuole superiori di I e II grado.

«In questo percorso, camminiamo insieme condividendo criteri di discernimento e scelte di vita – ricorda il vescovo Francesco Antonio Soddu – nel proseguimento del Cammino Sinodale, alla luce dell’icona dei discepoli di Emmaus e in preparazione al Giubileo del 2025, che sollecitano ad alimentare la preghiera personale e comunitaria. Ascoltando e seguendo con docilità la voce dello Spirito, possiamo sentirci coinvolti nella corresponsabilità ognuno per la propria parte in questo cammino della nostra Chiesa locale, nell’amore che San Valentino ci testimonia ancora oggi. Un buon approccio all’amore, che viene da Dio, ci fa comprendere il senso vero della vita e quindi della pace. Manifestazioni che vedono le persone come collaboratrici nell’accogliere questo messaggio, per sentirci tutti parte integrante della società. Auguro alla città e alla diocesi di poter fare tesoro di queste occasioni; la festa sia soprattutto per la comunità un motore propulsore per vivere sempre meglio la fede cristiana e, la fede in comunione sulla via della pace».

La festa del patrono della città di Terni, San Valentino è per la comunità cittadina un’occasione per riflettere sull’identità della città alla luce della testimonianza di san Valentino che ha plasmato cristianamente la città di Terni durante il suo lungo ministero episcopale, durato, secondo la tradizione, ben 76 anni, come maestro di questa città, padre dei poveri e dei giovani innamorati, di custode dell’amore, del matrimonio, della famiglia, ma anche di testimone fino al martirio della coerenza alla fede, della libertà religiosa, del dialogo interreligioso, della cura e preoccupazione per la città. Da Terni, ancora oggi, parte il messaggio di san Valentino: l’amore vero, fedele ed eterno è possibile anche ai nostri giorni alimentato e protetto quotidianamente dall’umiltà, dalla fede in Dio, dalla preghiera costante, dalla pazienza e dal continuo perdono.