I Carabinieri Forestali di Amelia, a conclusione di un’attività di indagine, hanno denunciato due cacciatori sorpresi ad esercitare attività venatoria con l’ausilio di richiamo acustico illegale nel Comune di Penna in Teverina.

In una zona scarsamente abitata, a seguito di segnalazione di privati cittadini che lamentavano la presenza di un forte suono elettronico provenire da un campo incolto attiguo al fiume Tevere, i Carabinieri Forestali individuavano il dispositivo ancora in funzione, occultato accuratamente all’interno di una folta vegetazione costituita da canne di bambù e, quindi, praticamente invisibile.

Il macchinario era programmato per accendersi e spegnersi automaticamente in modo da attivarsi soltanto durante le ore notturne e permettere ai cacciatori di abbattere, durante l’orario di caccia consentito e a registratore spento, le quaglie da esso richiamate durante la notte. I richiami elettronici riescono ad attirare anche decine di quaglie durante le nottate di intensa migrazione incrementando considerevolmente la possibilità di abbattimento dei capi e proprio per questo motivo sono considerati illegali dalla normativa nazionale ed europea.

I carabinieri forestali intervenuti sul posto hanno  immediatamente disattivato il dispositivo e sono riusciti, dopo brevi indagini,  ad individuare i responsabili in due cacciatori che, alle prime ore del giorno, si apprestavano a iniziare una battuta di caccia in quel luogo , riattivando il dispositivo acustico che era stato stato spento.

I due cacciatori sono stati quindi deferiti all’Autorità Giudiziaria per aver utilizzato mezzi vietati ai fini dell’attività venatoria, violando la Legge 157/92 sul prelievo venatorio.