Il consiglio comunale di Terni, nella seduta di questa mattina con 21 voti a favore e 6 contrari, ha approvato in via definitiva la modifica del Programma Triennale dei LL.PP. 2023-2025 per consentire la realizzazione della stazione di ricarica dei bus elettrici del trasporto pubblico locale. Si tratta di un intervento di oltre un milione di euro per l’installazione di cinque punti di ricarica.

L’atto è stato illustrato in aula dall’assessore all’Ambiente Mascia Aniello.

“Con il D.M. 530/2021 sono stati assegnati al Comune di Terni € 6.459.146 della misura M2C2 del PNRR per il rinnovo del parco autobus per il trasporto pubblico locale con veicoli a zero emissioni.
L’obiettivo fissato è la messa in servizio entro giugno 2026 di almeno 9 nuovi mezzi sulle linee di trasporto urbano, e della infrastruttura di supporto per il rifornimento dei veicoli.
L’amministrazione con D.G.C. n. 253/22 aveva stabilito di destinare € 5.655.000 per l’acquisto di bus elettrici e i restanti € 804.146 per realizzare l’infrastruttura di ricarica.

L’acquisto dei mezzi è stato effettuato tramite Consip, e sono stati ordinati alla ditta Rampini di Passignano sul Trasimeno n. 9 bus elettrici da 8 m di lunghezza, che verranno consegnati per la fine del 2024.
La stazione di ricarica dei bus è prevista in Viale Tito Oro Nobili, nell’area dell’ex scalo merci della stazione ferroviaria, in un’area di proprietà comunale attigua al parcheggio realizzato negli ultimi anni.

Il progetto, approvato con D.G.C. n. 191 del 01/12/2023, prevede la sistemazione del piazzale attualmente sterrato con un’area recintata per la sosta dei bus e la ricarica tramite 5 colonnine a doppia presa, la realizzazione della viabilità di accesso, della cabina di trasformazione elettrica e di un box prefabbricato a servizio degli autisti.
Rispetto alle stime iniziali, il costo per la realizzazione di tutte le opere è stato previsto dai progettisti in € 1.125.000, motivo per cui si è reso necessario un riallineamento dell’importo già inserito nel Piano annuale delle opere pubbliche 2023, utilizzando le economie derivate dall’acquisto bus”.

Per la realizzazione della stazione di ricarica è in corso una procedura negoziata per l’individuazione dell’appaltatore con scadenza per la presentazione delle offerte al 28 dicembre”.