Si è svolto il 2 dicembre presso la Sede Nazionale della Fondazione Aiutiamoli a Vivere ONG a Terni, in Via XX Settembre 166, l’incontro con la delegazione ministeriale ucraina composta dalla deputata Eva Yakusheva, dal Vice Presidente dell’Oblast (Regione) della Transcarpazia Myroslav Biletsky, con il Presidente della Fondazione Dott. Fabrizio Pacifici i Consiglieri Enrico Cherubini e Federica Pacifici, e Moreno Peciarolo, per affrontare le tematiche che porteranno alla realizzazione della ristrutturazione dell’Ospedale di Yasinia, dell’installazione dell’ambulatorio mobile denominato “Cubo” da installare in zone periferiche affinché si possa, attraverso la telemedicina, fare prevenzione e curare i feriti provenienti dalle zone colpite dalla guerra.
La telemedicina sarà utilizzata dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere che, attraverso la collaborazione del Prof. Carlo Ventura e della sua equipe dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna che lavora nel campo della ricerca scientifica con le cellule staminali per la medicina rigenerativa, cercherà di aiutare la popolazione ucraina vittima della guerra.
Si è discusso, anche, di cooperare non soltanto nel campo sanitario ma anche in quello dell’agricoltura per cercare di sostenere il processo di produzione e sviluppo di un settore determinante a supportare le necessità della popolazione ucraina.
La Fondazione Aiutiamoli a Vivere si è fatta supportare, su questa tematica, dall’ex Sindaco di Orvieto Stefano Cimicchi, da sempre legato alla Fondazione dalla sua costituzione avendo partecipato fin dall’inizio all’accoglienza ed al sostegno della popolazione infantile bielorussa colpita dalle radiazioni di Chernobyl.
L’esperienza, la competenza e soprattutto la professionalità di Stefano Cimicchi, nel campo dell’accoglienza, hanno reso possibile l’attivazione di un processo di collaborazione con il Governo Ucraino che vedrà la Fondazione Aiutiamoli a Vivere ONG impegnata nei prossimi mesi, non soltanto nella ripresa dell’Accoglienza Temporanea dei bambini ucraini in famiglie italiane nel periodo natalizio, ma, anche, in quello del sostegno umanitario con una missione, la quattordicesima, che continuerà a sostenere, in questo periodo invernale, in aree dove le temperature scendono fino a meno quindici gradi, attraverso la somministrazione di cibo autoriscaldante (non c’è bisogno di forni o microonde) la popolazione ucraina colpita dalla guerra e dove si studierà la realizzazione di un modello produttivo per l’accoglienza, avendo tra i volontari della Fondazione Aiutiamoli a Vivere impegnati nella distribuzione degli aiuti umanitari la presenza di 8 tecnici e formatori guidati da Stefano Cimicchi che oltre a studiare il territorio che utilizzeremo per la produzione interloquiremo con le istituzioni locali e l’università.
Un modello di sviluppo che sarà presentato dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere nel suo Convegno Nazionale che si terrà ad Argenta (FE) l’8 dicembre 2023 dove interverranno i rappresentanti del Ministero del Lavoro, del Ministero degli Esteri italiani e della Regione della Transcarpazia, del Comune di Yasinia in Ucraina e dove i rappresentanti dei Comitati e delle famiglie italiane ospitanti i bambini bielorussi ed ucraini potranno intervenire e continuare a sostenere la Fondazione che dal 1992 opera in questi Paesi per aiutare le popolazioni infantili continuando a sostenere l’idea, tema del Convegno Nazionale, che soltanto: “I bambini ci salveranno”.
Appuntamento ad Argenta (FE) l’8 dicembre 2023 al 29° Convegno Nazionale della Fondazione