Cerca

È stata indirizzata a Figline di Prato, in uno dei centri toscani maggiormente colpiti dalle alluvioni, ed è già pienamente operativa la squadra della Protezione civile umbra, partita nella tarda mattinata di sabato dal Centro regionale di Protezione civile di Foligno alla volta della Toscana per dare il proprio contributo alla macchina dei soccorsi. La colonna mobile umbra, coordinata dalla Dirigente del Servizio regionale di Protezione civile, Stefania Tibaldi, è composta da quattro funzionari e da 30 volontari di sette organizzazioni di volontariato umbre: Pietralunga Anteo, Monteleone di Orvieto Gruppo Comunale, Spoleto AVCC, Piegaro Valnestore, Rosa dell’Umbria di Todi, Foligno “Città di Foligno”, Bastia Umbra Gruppo Comunale.

“Tecnici e volontari, attrezzati con motopompe idrovore, idropulitrici, moduli per il lavaggio e mezzi movimento terra, sono stati immediatamente impiegati a supporto della popolazione toscana colpita dall’evento calamitoso. Si stanno effettuando inoltre sopralluoghi insieme ai tecnici locali per far fronte innanzitutto alle esigenze impellenti delle famiglie in difficoltà”. A darne notizia è l’assessore regionale alla Protezione civile, Enrico Melasecche, rinnovando plauso e apprezzamento per l’operato dei soccorritori.

L’assessore Melasecche è costantemente aggiornato anche sull’evolversi della situazione in Umbria, tramite la Sala operativa regionale del Centro di protezione civile. “Si è registrato vento molto forte nella primissima mattinata di oggi – informa – che ha toccato i 157 km/h a Forca Canapine, 84 km/h a Piediluco ed Acquasparta, 72 a Passignano sul Trasimeno e Città di Castello. La perturbazione sta velocemente spostandosi a sud e le previsioni, sia per le precipitazioni che per le raffiche di vento, indicano un notevole calo”.

Dal Centro di protezione civile di Foligno, dopo aver parlato con i sindaci dei territori umbri dove si sono registrate criticità,  quelli di Assisi, Gualdo Tadino e Bastia Umbra, oltre che con il responsabile dei rapporti istituzionali dell’ENEL per i il ripristino dell’energia elettrica a circa 300 famiglie nel comune di Assisi – che, gli è stato assicurato, avverrà entro le prossime tre ore – l’assessore Melasecche si è recato al COC (Centro Operativo Comunale) di Assisi. Qui ha incontrato il sindaco Stefania Proietti ed i tecnici, compresi quelli regionali del Servizio di mitigazione del rischio idrogeologico, “per fare il punto sulla situazione – riferisce l’assessore -, verificare i danni e predisporre le misure indispensabili per fronteggiare nella maniera più efficace tali situazioni, a cominciare dalla legge regionale sulla protezione civile di cui si avverte sempre più la necessità – sottolinea – in considerazione della frequenza con cui questi fenomeni si stanno verificando anche sul nostro territorio”.