Non si ferma l’attività di prevenzione della Polizia Ferroviaria degli scali ferroviari della provincia di Perugia, nelle aree di maggiore affollamento e a bordo dei treni, finalizzati a monitorare il flusso dei viaggiatori, con controlli a campione nei confronti delle persone sospette, per garantire la sicurezza dei passeggeri e del personale delle Ferrovie dello Stato.

Nel corso della settimana, i servizi di vigilanza – predisposti dal Compartimento Polfer Marche Umbria e Abruzzo – hanno coinvolto gli operatori della Sezione Polfer di Foligno e del Posto Polfer di Perugia che hanno effettuato numerosi controlli con l’obiettivo di contrastare le attività illecite e aumentare i livelli di sicurezza dei viaggiatori che si muovono in treno.

Oltre ad una funzione di deterrenza contro i reati di microcriminalità – furti, rapine, accattonaggio molesto, aggressioni ai controllori e ai capo treno – gli operatori della Polfer hanno anche effettuato servizi antiborseggio durante le fasi di ingresso e discesa dai convogli.

Importante anche l’attività di vigilanza delle strade ferrate e delle infrastrutture, fondamentale per la tutela delle linee e per evitare danneggiamenti, furti di rame, episodi di imbrattamento e il transito dei pedoni sui binari.

Gli agenti durante tutta l’attività hanno utilizzato gli smartphone in dotazione, per il controllo in tempo reale dei documenti e la verifica di persone con precedenti di polizia o sospette.

L’attività è stata anche l’occasione per sensibilizzare i cittadini in merito ai comportamenti scorretti in ambito ferroviario quali, ad esempio, l’attraversamento dei binari o il mancato rispetto delle regole di sicurezza.

Nel corso dell’attività nelle Stazioni di Perugia e di Foligno e degli scali monitorati lungo gli itinerari della provincia, sono state 1036 le persone controllate, 45 i treni scortati, 22 i servizi di pattuglia a bordo treno e 43 i servizi di vigilanza negli scali.