Cerca
default

950 quintali di acciaio, 1.800mc di cemento.

Il Consorzio di bonifica Tevere Nera ha inaugurato l’invaso “C” nel comune di San Gemini, località Quadrelletto.

La vasca è passata dal contenere 3.800mc di acqua a quasi 6.000mc.

Si tratta di un investimento di 860.000 euro, con finanziamento del ministero dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare.

Per il presidente dell’Ente, Massimo Manni: “Uno stoccaggio quanto mai necessario, anche a seguito dei pesanti periodi di siccità che abbiamo attraversato negli anni e che ci troveremo ad attraversare”.

“L’invaso – prosegue il presidente – è stato ammodernato in tempi record. Il 3 ottobre 2022 sono iniziati i lavori e sono stati completati il 30 aprile 2023. Già dal 1 maggio abbiamo potuto distribuire l’acqua agli impianti irrigui dei nostri agricoltori”.

Ed è proprio dal mondo agricolo che negli ultimi anni era arrivata una richiesta maggiore di acqua per l’attività irrigua, a causa della pesante siccità estiva, perpetrata ormai anche nelle stagioni autunnali e primaverili.

La vasca, attraverso il collegamento diretto a moderne tubazioni, riesce a irrigarei terreni agricoli delcomprensorio narnese e sangeminese.

Inoltre, l’impianto a valle possiede degli innovativi contatori elettronici, in grado di monitorare costantemente i consumi d’acqua e intervenire in caso di anomalie.

Per il presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (Anbi), Francesco Vincenzi“L’inaugurazione dell’invaso nel comune di San Gemini rientra nella più ampia strategia proposta da Anbi per aumentare la resilienza delle comunità di fronte alle conseguenze della crisi climatica, esemplificate dall’estremizzazione degli eventi atmosferici, siano essi violente piogge o lunghi periodi privi di precipitazioni”.

“E’ necessario – continua il presidente Anbi – attrezzare il territorio con nuove infrastrutture, capaci di rispondere alle sfide della contemporaneità come l’esigenza di trattenere l’acqua, quando arriva per poterla usare nei momenti di bisogno”.

“Se a ciò aggiungiamo – conclude Vincenzi – l’efficienza della distribuzione irrigua attraverso innovative tecnologie, abbiamo un’immagine della moderna Bonifica e dei suoi Consorzi, capaci non solo di adeguarsi alle nuove evenienze meteo, ma di coniugare gli obiettivi della sostenibilità economica, sociale ed ambientale”.