Ci siamo mancano solo una manciata di giorni e poi si alza il sipario sulla prima edizione di Wine love weekend, kermesse che animerà il centro di Terni dal 17 al 19 maggio. Saranno tre giorni in cui i protagonisti sono degustazioni, aperitivi, spettacoli, masterclass, calici sotto le stelle, musica e molto altro ancora. Il protagonista sarà il vino. I visitatori verranno presi per mano e andranno alla scoperta delle eccellenze vinicole e delle bellezze dei luoghi più significativi del centro storico della città dell’amore.

Tanti appuntamenti in cui il vino incontrerà anche la musica in particolare con Jazz & Wine. L’evento offre a tutti gli appassionati, la possibilità di degustare i migliori vini del territorio, conoscere la storia delle antiche cantine e scoprire le zone dove il sole bacia queste terre, dando vita a capolavori in bottiglia.

Dunque spazio alla musica con Sparkle jazz duo con Emanuele Pellegrini al pianoforte e Alessandro Giammari alla voce che accompagneranno i presenti durante la degustazione dei vini con un repertorio ricco di sorprese che spazierà dai classici del jazz, canzoni italiane e internazionali rivisitate in chiave blues e soul. L’appuntamento è in piazza della Repubblica venerdì 17 e sabato 18 dalle 18.30 alle 19.30 e dalle 21.30 alle 23. E poi ancora spazio a Tartle jazz & soul, gruppo musicale che impronta le sue radici sulla musica jazz e soul ed esplora il panorama musicale americano ed occidentale, un assaggio di musica creativa accompagnato da un buon calice. Appuntamento alla pasticceria Pazzaglia di corso Tacito venerdì 17 e sabato 18 dalle 18.30 alle 19:30 e dalle 21.30 alle 22.30.

Da non perdere le degustazioni Enonote che verranno accompagnate da un buon calice e le note giuste armonizzano i sensi. Enonote è un’associazione culturale che ha lo scopo di promuovere, diffondere e creare quella simbiosi tra la cultura del vino e le note sofisticate del jazz in un’atmosfera di piacevole convivialità. Un appuntamento a cura dell’Associazione Enonote sommelier con Roberta Bartolucci, Gino Bravini, Caterina Genua. L’appuntamento è in piazza Europa venerdì 17 (ore 18.30 – 19.30 – 21 – 22), sabato 18 (ore 18.30 – 19.30 – 21 – 22) e domenica 19 (ore 18.30 – 19.30)

E poi ancora Aperiviparo con musica e dj set in piazza della Repubblica venerdì 17 e sabato 18 dalle 22.30 alle 24.

Spazio anche all’arte con “Rosso Di-Vino”. Sarà un momento di incontro con pittori, scultori e artisti del moulage del gruppo Thyrus, per celebrare Bacco e la creatività che da esso scaturisce, sia nei soggetti che nelle tecniche. L’evento inizierà venerdì 17 maggio con l’inaugurazione della mostra al PalaSì che inaugurerà alle 16 e resterà aperta fino alle 22. Sabato 18 oltre alla mostra, che sarà visibile dalle 10 alle 23, inizieranno le estemporanee in piazza della Repubblica che si protrarranno anche nella giornata di domenica 19. Le performance riguarderanno tecniche di incisione sulle bottiglie di vetro e l’utilizzo del “vini tinto”, ovvero il tannino naturalmente presente nel vino, per la realizzazione di un abito, scultura in creta che avranno come oggetto Bacco e pittura con il vino come acquerello. L’esposizione sarà possibile visitarla anche domenica dalle 10 alle 20 e tutti gli eventi al PalaSì sono accompagnati da degustazioni enologiche delle varie cantine presenti alla kermesse.

Saranno di fatto tre giorni di degustazioni con vino accompagnato da tanti stuzzichini e della buona musica. Si inizierà con una degustazione guidata con pizzaiolo e sommelier. Sarà il visitatore come fare un viaggio sensoriale che unisce i due piaceri più amati al mondo: pizza e vino. Ogni fetta di pizza è preparata con grani antichi, carboni vegetali, curcuma e rapa rossa, selezionati per creare un’armonia di sapori unica. Ogni morso verrà accompagnato con due calici di vino pregiato.

Presso il Pala Si per Chi lo desidera potrà partecipare anche all’enoteca letteraria. Venerdì alle 17.30 è con “Dolci del cuore” non è solo un libro di ricette, ma un vero diario sentimentale dove Salvatore De Riso, per tutti Sal, ripercorre la sua straordinaria carriera di maestro pasticcere. E poi c’è anche l’appuntamento dedicato al buon vino accompagnato da una lettura “Bacco, Tabacco e altre divinità”, monologo semi-serio di e con Andrea Giuli. Le strane riflessioni di un astemio quasi totale sul rapporto tra vino, amore, letteratura, creatività e fumo. Dai classici latini e greci finì a Baudelaire e Pavese. A cura dello scrittore Andrea Giuli accompagnato dalla fisarmonicista Tiziana Frattali.