Noemi Bevilacqua e Federica Del Gaiso sono campionesse Italiane FITPRA di Padel. Un successo importante che rappresenta un’ulteriore conferma della crescita del movimento e dell’impegno che il CLT ha dedicato a uno sport che, ormai, è uno dei più gettonati del territorio.

In quella che può essere definita una fase eccezionale del Padel umbro (quasi cento campi, tesserati quadruplicati e giunti a quota 1650 e una grandissima attività agonistica in tutta la regione), il CLT assume un ruolo di primo piano: una struttura moderna ed efficiente con tre campi coperti dalla nuovissima struttura, la Padel Arena, sorta appena un mese fa, un grande numero di soci ed appassionati che ogni giorno solcano i campi in ogni ora ma soprattutto, vanto della sezione Padel, la scuola addestramento per i ragazzi.

Fortemente voluta dal maestro Fabio Moscatelli direttore tecnico del Tennis e Padel CLT, annovera un centinaio di ragazzi di ogni età che si stanno appassionando a questo nuovo gioco.

Federica e Noemi provengono dalla scuola agonistica. Una stagione esaltante la loro. Dapprima la vittoria in cinque su sei dei tornei di qualificazione per i Campionati Italiani FITPRA di Padel, svolti tra febbraio ed aprile in Umbria, poi l’esaltante avventura alla fisa finale nazionale disputata a Paderno Dugnano Milano dove erano presenti coppie da tutta Italia. Certo non erano partite coi favori del pronostico ma, partita dopo partita, le nostre ragazze sono diventate la squadra da battere e dopo le tre vittorie nelle qualificazioni si sono imposte in semifinale sulle Marche per poi trionfare in finale con un secco 63 62 sulla favorita Lazio. Una vittoria bellissima con grande soddisfazione per coach Carlo Coluccini che formandola aveva intuito le potenzialità della coppia pur composta da due giocatrici con caratteristiche completamente diverse l’una dall’altra. Un successo che non è isolato perché durante l’attesa di Milano, Federica e Noemi hanno trovato il tempo di vincere, con l’aggiunta di Pamela Petagna, la Coppa Italia FITPRA fase regionale qualificandosi anche qui per la finale nazionale. Un grande risultato che danno soddisfazione a tutto il CLT, presidente Giovanni Scordo in testa e fanno da punto di riferimento per tutto il movimento umbro.