Giusto il tempo per riprendere attività e allenamenti al Pala Waro Ascenzioni, che il Circolo Scherma Terni fa subito incetta di premi. Alla Festa della Scherma in programma ad Anzio il prossimo fine settimana 14-15 settembre, oltre al Maestro Leonardo Sciarpa che ricevera il Seminatore d’oro per la sciabola, altri due prestigiosi riconoscimento per il circolo ternano.

Il Consiglio Federale della FIS ha ritenuto di insignire il Circolo Scherma Terni dell’onorificenza dello “Scudo d’Onore d’oro” come forma di riconoscimento per chi si è distinto nel corso degli anni per l’attività agonistica, i risultati conseguiti e la grande tradizione schermistica.

Il Maestro Filippo Romagnoli, sarà invece premiato con la “Maschera d’Onore d’Oro” riservato ai Maestri che hanno contribuito alla conquista di medaglie mondiali e olimpiche.

In particolare il Maestro Romagnoli è stato elemento fondamentale per i successi in campo internazionale di Alessio Foconi, campione mondiale di fioretto maschile individuale e a squadre nel 2018, campione europeo individuale nel 2019, e vincitore della Coppa del Mondo di specialità negli ultimi due anni consecutivi.

“Si tratta di una delle onorificenze più prestigiose e sicuramente tra le più meritate, Filippo è un orgoglio per la scherma e per tutto lo sport ternano” il commento di Francesco Tiberi, delegato provinciale del Coni.

La notizia dei due riconoscimenti che si vanno ad unire a quello del Maestro Sciarpa è arrivata al presidente del Circolo Scherma Terni subito dopo la conclusione dell’ottava edizione del Campus organizzato dal Circolo Scherma Terni a Cascia a cui hanno partecipato un centinaio di giovani promesse della scherma italiana: “Un’esperienza positiva grazie alla quale tanti ragazzi hanno vissuto la settimana in un ambiente accogliente, familiare ma estremamente professionale – spiega Alberto Tiberi – una settimana intensa di sport e attività che hanno aiutato la socializzazione tra ragazzi di società sportive e nazioni differenti. Nel nostro sport, creare l’unione tra i giovani è fondamentale. Benché la scherma sia una disciplina individuale, – ha concluso – l’integrazione in gruppo, rappresenta un elemento fondamentale per la crescita sportiva e personale di ogni ragazzo.

E sono anche questi aspetti che hanno permesso al Circolo Scherma Terni di raggiungere i risultati ed i riconoscimenti di cui tutti noi andiamo orgogliosi”.