A ‘s-Hertogenbosch, in Olanda, sede dei Campionati Mondiali di qualificazione Olimpica e Paralimpica per Tokyo 2020, è in svolgimento il Congresso World Archery. Ieri il Comitato Esecutivo ha votato all’unanimità il ritorno in Italia del Campionato Mondiale specialità 3D nel 2021. Saranno nuovamente Terni e gli splendidi scenari della Cascata delle Marmore ad ospitare gli arcieri provenienti da tutto il mondo.

L’Italia continua a rappresentare un Paese affidabile per organizzare i maggiori eventi internazionali. Non è un caso che ieri, al termine della riunione dell’Executive Board World Archery in svolgimento in Olanda, a ‘s-Hertogenbosch – sede nelle prossime due settimane dei Campionati Mondiali validi per la qualificazione per i Giochi Paralimpici e Olimpici di Tokyo 2020 – sia stata assegnata nuovamente a Terni l’organizzazione dei Campionati Mondiali 3D.

“Sono molto soddisfatto per la votazione – ha detto il Presidente FITARCO e Vicepresidente Vicario World Archery Mario Scarzella -. Essendo italiano mi è sembrato giusto uscire dalla sala prima della votazione e al mio rientro mi hanno confermato che il Mondiale 3D del 2021 è stato assegnato all’unanimità a Terni. Questo significa l’ennesimo grande attestato di stima da parte dei colleghi di tutto il mondo. Quando abbiamo avanzato una candidatura siamo sempre riusciti ad ottenere l’organizzazione della gara ed è motivo di grande orgoglio oltre che di responsabilità. Sono certo che il gruppo di lavoro che abbiamo a Terni, capeggiato dal consigliere Stefano Tombesi, sarà in grado di organizzare un altro grande appuntamento sportivo. Lo scorso anno quando abbiamo ufficializzato la candidatura abbiamo subito ottenuto il sostegno delle autorità comunali e sono certo che, col supporto delle istituzioni comunali e regionali, riusciremo a ottenere un’altra volta i complimenti della Federazione Internazionale e la massima soddisfazione degli atleti”.

 

Grande soddisfazione anche per Stefano Tombesi, il presidente degli Arcieri Città di Terni che ha costituito un gruppo di lavoro capace ed efficiente: “Sono felicissimo – dice il dirigente umbro -. In città ancora si parla degli eventi internazionali che abbiamo organizzato nel 2013 con gli Europei Campagna e nel 2015 con i Mondiali 3D. Ciò che è rimasto più impresso nella memoria, oltre alle finali al belvedere inferiore della Cascata delle Marmore, è senza dubbio l’ottima riuscita dell’archery village, che fu un’intuizione vincente perché portò giornalmente centinaia di persone a conoscere la disciplina del tiro con l’arco in un’atmosfera festosa, tra musica, stand commerciali e ristoranti. Naturalmente la soddisfazione è anche delle istituzioni, che avevano spinto affinché riportassimo in questi luoghi un altro evento internazionale. Proprio in questi giorni stiamo ultimando la ristrutturazione del campo degli Arcieri Città di Terni, una struttura moderna e funzionale che diventerà la base logistica degli atleti e dell’organizzazione in occasione del Mondiale del 2021″.

Tombesi guarda alla rassegna iridata e promette sorprese: “Oltre alle piazzole di tiro più che collaudate nel parco della cascata, cercheremo di valorizzare anche altri luoghi di questi territori, come avevamo fatto portando nei ruderi romani di Carsulae le finali dell’europeo 2013. Penso per esempio al lago di Piediluco. La disciplina arcieristica 3D è perfetta per valorizzare certi luoghi e il nostro obbiettivo è di far conoscere al meglio Terni e le bellezze naturali che la circondano. Nei prossimi mesi faremo una serie di valutazioni e sopralluoghi per rendere la prossima rassegna iridata ancora più bella del precedente”.