Terni sotto i riflettori del mondo, paralimpico e non solo, con i Campionati Europei di Scherma Paralimpica presentati questa mattina alla Sala Monumentale della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi. Dal 17 al 23 settembre arriveranno in città 300 atleti in rappresentanza di 20 Paesi e con questo appuntamento l’Italia torna ad ospitare un evento internazionale a meno di un anno di distanza dal successo dei Campionati del Mondo Roma 2017.

“Questi Europei rappresentano un orgoglio per il mondo paralimpico, siamo orgogliosi dei nostri atleti e vi esorto a dare il massimo per farci essere ancora più orgogliosi” ha detto il Ministro della Famiglia e della Disabilità, Lorenzo Fontana. Un evento che segna la definitiva crescita del movimento paralimpico azzurro sia in termini numerici che di qualità tecnica, e per il Circolo Scherma Terni la voglia di mettersi in gioco nell’organizzaazione e promozione di una manifestazione di richiamo internazionale. “La scherma entra sistematicamente nei cuori degli italiani – ha sottolineato il sottosegretario all’Economia con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti – siamo particolarmente contenti per Terni, è un’ottima opportunità per la città di mettersi in vetrina”.

 

Erano presenti il presidente del Circolo Scherma Terni Alberto Tiberi, il vicepresidente della Giunta Regionale dell’Umbria Fabio Paparelli, il sindaco di Terni Leonardo Latini con l’assessore allo Sport Elena Proietti, Nicola Astolfi della Fondazione Carit, Gianluca Tassi presidente del comitato regionale del Cip. Giorgio Scarso, presidente della Federazione Italiana Scherma, rivolgendosi agli atleti ha detto: “E’ grazie a voi se tanti ragazzi non si chiudono dentro casa, e grazie a Terni che ha saputo raccogliere questo messaggio e dimostrerà all’Europa le nostre capacità organizzative”. Luca Pancalli, presidente nazionale del Comitato Italiano Paralimpico ha ricordato, oltre alla scherma, anche il nuoto, il tiro con l’arco e il ciclismo, discipline dove gli atleti paralimpici hanno regalato enormi soddisfazioni questa estate. E Terni sarà sotto i riflettori anche perchè durante la manifestazione si terrà un’importante riunione della International Wheelchair & Amputee Sports Federation dedicata proprio al processo di avvicinamento tra il mondo olimpico e quello paralimpico. Come ha ricordato il presidente del Circolo Scherma Terni, Alberto Tiberi, che organizza l’evento, sono impegnati 200 volontari e un centinaio di addetti tra segreteria, staff di allestimento ed accoglienza.

 

Il Pala DeSantis di Terni si trasformerà in una vera e propria cattedrale della scherma paralimpica, con le 23 pedane installate sul parterre, pronte ad accogliere un totale di 72 ore di competizioni nel corso delle 6 giornate di gara. Protagonisti attesi in pedana saranno gli azzurri della Nazionale italiana di scherma paralimpica che, dopo aver emozionato ai Mondiali di Roma dello scorso novembre, puntano a ripetersi anche sulle pedane umbre. Diverse le punte di diamante delle squadre dei CT Simone Vanni, Francesco Martinelli e Marco Ciari: dalla paralimpionica Bebe Vio, ai giovani Emanuele Lambertini ed Edoardo Giordan, sino agli esperti Alberto Pellegrini, Matteo Betti e Marco Cima ed alle azzurre Andreea Mogos e Loredana Trigilia.

I Campionati Europei di scherma paralimpica Terni 2018 godranno di un’alta visibilità mediatica. Le fasi finali di ogni giornata di gara saranno trasmesse in diretta televisiva su Rai Sport HD e in live streaming su Rai Play. La piattaforma OSO di Fondazione Vodafone Italia e www.federscherma.it accoglieranno highlights, interviste e commenti ad inizio ed al termine di ogni giornata di gara. Tutte le informazioni e i risultati live sul sito www.europeanfencing2018.it. La conferenza stampa di presentazione nel territorio cittadino ci sarà invece lunedì 17 settembre alle ore 12 presso la sede della Fondazione Carit in Corso Tacito a Terni.