Terni ospiterà per la prima volta i campionati di serie A1 di Tennistavolo. L’evento, in programma domani e domenica al palasport Aldo De Santis di Campitello, è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato l’assessore comunale allo Sport Emilio Giacchetti, il presidente della Fitet Renato Di Napoli, il vicepresidente vicario Carlo Borella ed il vicepresidente regionale del Coni, Moreno Rosati. L’organizzazione è della Federazione Italiana Tennistavolo, in collaborazione con il Comune di Terni e con il Tennistavolo Campomaggiore.

Le otto squadre maschili (Apuania Carrara, Tennistavolo Castel Goffredo, Cral Comune di Roma, Tennistavolo Lomellino – Cipolla Rossa di Breme, Top Spin Messina, Tennistavolo Norbello – Comuni del Guilcer, Aon Milano Sport Tennistavolo e Marcozzi Cagliari) e le sette femminili (Tennistavolo Castel Goffredo, Teco Corte Auto Cortemaggiore, Eppan Tichtennis Raiffeisen, Tennistavolo Norbello – Comuni del Guilcer, Tennistavolo Vallecamonica, Polisportiva Bagnolese e Quattro Mori Cagliari) saranno dunque raggruppate in sede unica. L’intero fine settimana sarà infatti trasmesso in diretta streaming, su due tavoli in contemporanea con due telecronisti. Sarà possibile seguire tutti i match attraverso il live scoring su quattro tavoli al maschile e tre al femminile.

Sabato 14 alle 9.45 al Palatennistavolo Aldo De Santis avverrà la presentazione delle squadre partecipanti al campionato di serie A1 maschile e alle 10 inizieranno in contemporanea i quattro incontri della prima giornata. Alle 15.45 saranno introdotte le compagini che daranno vita al campionato di A1 femminile e alle 16 scatteranno allo stesso tempo i tre match del turno inaugurale.

Domenica alle 9.45 sarà presentato il secondo turno maschile e alle 10 cominceranno le quattro sfide. Alle 13.45 sarà illustrata la seconda giornata femminile e alle 14 prenderanno il via le tre contese.

“Abbiamo pensato – ha spiegato il presidente della FITeT Renato Di Napoli – d’introdurre una novità interessante. Riunire le squadre di serie A1, ovvero le società di riferimento del nostro movimento, sarà un modo per valorizzare l’evento di avvio della stagione, dando risalto mediatico ai dirigenti, agli atleti e agli staff tecnici”.