Festeggiano tutti allo Stadio Libero Liberati. I tanti tifosi rossoverdi, tornati ad incitare la squadra dopo l’avvento sulla panchina di Fabio Liverani, ed i circa duemila supporters della Spal che – nonostante la sconfitta – torna a riassaporare, dopo 49 anni, il gusto della serie A, conquistando matematicamente la promozione grazie alla contemporanea sconfitta del Frosinone a Benevento. La Ternana è stata davvero grande, quest’oggi, centrando la vittoria in una giornata difficilissima visti la caratura e gli stimoli dell’avversario. Ma anche da queste parti c’era da giocarsi qualcosa di importante, la salvezza. Ed i ragazzi di Mister Liverani, al quale va riconosciuto il merito di aver compiuto un autentico miracolo da quando ha assunto la conduzione tecnica della squadra, avranno l’opportunità di giocarsela giovedi prossimo nello scontro diretto sul terreno dell’Ascoli.

Per la cronaca, la squadra di Ferrara era passata in vantaggio in maniera del tutto casuale con Antenucci, (bomber non dimenticato da queste parti) al 13′ del primo tempo per una leggerezza di Ledesma, comunque migliore in campo. A quel punto ecco entrare in scena Stefano Pettinari che, da attaccante di razza, centra una doppietta (18′ e 33′, su assist di Falletti e Ledesma) che regala alla squadra tre punti pesantissimi e la possibilità di continuare a sognare.