Nuova penalizzazione per la Virtus Lanciano, alla quale sono stati tolti altri 5 punti in classifica (dopo i due già scalati da tempo) per inadempienze finanziarie.

Con la decisione del Tribunale Nazionale Figc la Virtus scende così a quota 38, in zona play-out.

Il Tribunale  ha inoltre comminato un’ammenda di 6.500 euro alla società abruzzese. Secondo la motivazione “il club non avrebbe documentato entro i termini (16 febbraio 2016) i pagamenti Irpef e Inps di due bimestri (luglio-agosto e settembre-ottobre 2015) oltre a non aver dichiarato il vero sugli emolumenti di novembre-dicembre 2015 dei tesserati”.

5 mesi e 15 giorni di inibizione, inoltre, per l’amministratore unico della società Claude Alain Di Menno Di Bucchianico e 2 mesi al Presidente del Collegio Sindacale della società Angelo Castrignano.