Ormai la ” Sindrome Liberati ” è più di una ipotesi per la Ternana. La formazione rossoverde non solo non riesce più a far punti davanti al pubblico amico, ma addirittura lascia nelle mani degli avversari intere frazioni di gioco senza avanzare la benché minima reazione, la benché minima prova della sua esistenza sul terreno di gioco.

Era successo con l’Avellino e si è ripetuto ieri contro l’Entella, una squadra non apparsa trascendentale ma che con il minimo sindacale ha realizzato due gol e, poi, ha contrastato con successo il forcing degli ultimi 20 minuti dei rossoverdi.

A sentire i protagonisti, tecnico incluso, nessuno riesce a trovare la causa di queste amnesie, di questi vuoti motivazionali  e questo è ancora più preoccupante perché si conosce la malattia ma non la causa che la produce.

Resta inteso, però, che una cura si deve trovare al più presto perché questa volta a tenere a galla la Ternana, dopo le  due sconfitte casalinghe con Avellino e Entella, sono state  le due vittorie esterne di Latina e Pescara, ma  è utopistico pensare che la Ternana possa fare sempre bottino pieno lontano dalle mura amiche.

Resta un mistero, insomma, pensare che possano bastare 20 minuti finali per raddrizzare un match dopo aver “giochicchiato” senza grinta, senza rabbia e senza determinazione per più di un’ora.

Per la cronaca la partita di ieri è stata incanalata in favore della formazione ligure da due errori clamorosi in fase difensiva della Ternana che, poi, l’ha riaperta con il gol di Masi. Troppo tardi, però, come tardive sono state le sostituzioni effettuate da Roberto Breda che ieri pomeriggio non ha brillato nella gestione degli uomini a disposizione durante il match.

Sulla partita le impressioni del tecnico rossoverde dal canale YouTube di tele Galileo70xEb3NNXY8

IL TABELLINO

Ternana (4-2-3-1): Mazzoni; Dianda (1′ st Masi), Gonzalez, Meccariello (25′ st Dugandzic), Vitale (Cap.); Busellato, Coppola; Gondo (30′ st Avenatti), Falletti, Furlan; Ceravolo. A disp: Sala, Zampa, Signorelli, Palumbo, Belloni, Grossi. All.: Roberto Breda

Virtus Entella (4-3-3): Iacobucci; Belli, Ceccarelli, Pellizzer, Sini (18′ st Keita); Volpe (Cap.), Palermo, Troiano; Masucci, Caputo, Costa Ferreira (25′ st Sestu). A disp: Paroni, Gerli, Cutolo, Jadid, Iacoponi, Sforzini, Petkovic. All.: Alfredo Aglietti

Arbitro: Serra di Torino (Di Iorio-Lanza)

Marcatori: 28′ pt Caputo, 36′ pt Masucci, 35′ st Masi

Ammoniti: Belli, Sini, Volpe, Iacobucci (V. Entella), Dianda, Vitale, Busellato (T)

Spettatori: 3.694 (1.729 abbonati)