Una conferenza stampa per chiudere, definitivamente, le vicende che hanno portato all’allontanamento dell’ex Ds Vittorio Cozzella ed alle dimissioni del tecnico Domenico Toscano. In un paio d’ore di conferenza stampa, l’amministratore unico della società rossoverde, Simone Longarini, ha dato la propria versione dei fatti non lesinando critiche a nessuno.
Riferendosi all’ex Ds Vittorio Cozzella, Longarini ha spiegato come lui stesso avesse provveduto a confermarlo nella carica di Direttore sportivo. “Avevo chiesto di mettere per iscritto le varie operazioni di mercato che avrebbero fatto al caso della Ternana – ha aggiunto – tenendo presente tre aspetti, ovvero quello fisico, quello mentale e quello tecnico. Ma le proposte – ha spiegato Simone Longarini – avevano per oggetto sempre gli stessi giocatori che non cambiavano nemmeno ad ulteriori sollecitazioni”. L’Amministratore unico della Ternana ha detto di essersi chiesto se tutto ciò dipendesse da incapacità o dalla mancata voglia di sondare il mercato. E’ il motivo, ha tenuto a precisare, che lo ha spinto a rompere gli indugi il 3 agosto chiudendo il rapporto con il Ds. “Tra l’altro – ha aggiunto – alcuni dei giocatori proposti, Janse e Furlan, la ternana li ha poi ingaggiati a costi sicuramente minori rispetto a quelli che ci si proponevano”.
Sul capitolo riguardante Domenico Toscano, Simone Longarini ha spiegato di averlo corteggiato a lungo per riportalo sulla panchina rossoverde. Poi l’attacco: “Io sono qui a spiegare quello che è stato fatto, pronto a prendermi anche delle critiche che possono essere anche costruttive, ma qualcun’altro ha preferito spostare l’allenamento al pomeriggio, dare le dimissioni ed andare via. Forse – riferendosi ancora a Toscano – l’esperienza di Novara l’ha reso più fragile, più traballante. La società – ha sostenuto Longarini – gli ha dato una grossa opportunità non venendo meno alle garanzie annunciate. 16 dei 17 giocatori presi sono stati di suo gradimento – ha aggiunto – e lui doveva giocarsi meglio l’opportunità che gli era stata concessa. Forse – ha sostenuto – non ci si è resi conto che in una società esiste una gerarchia che va rispettata”.
Simone Longarini ha poi avuto parole anche per il nuovo tecnico Roberto Breda. “Ho parlato con i ragazzi, con l’allenatore e con il ds – ha detto l’amministratopre unico rossoverde – e guardandoli negli occhi mi son reso conto che c’è una gran voglia di venir fuori da questa situazione. Sono sicuro – ha concluso – che tutto questo accadrà al più presto perchè la suadra è forte, ha le motivazioni e la personalità di una compagine di spessore”.
Infine l’annuncio che sabato prossimo, nella gara di campionato contro il Novara, in occasione del 90 anni della Ternana Calcio, il costo del biglietto di ingresso sarà di 5 euro per le curve e 10 per i distinti. Un modo per chiamare i tifosi a stringersi intorno alla squadra in un momento davvero delicato.