Di certo la pioggia non fa paura a Danilo Petrucci che sul circuito di Silverstone si è piazzato al secondo posto dietro al mito, Valentino Rossi.

E pensare che la sua corsa non è stata facile perché Danilo partiva dalla 18 esima posizione e per arrivare dietro a Valentino ha dovuto lottare, sgomitare, rischiando anche moltissimo con una pista in alcuni tratti allagata.

Ad uno ad uno Danilo ha superato tutti i grandi nomi del motomondiale, qualcuno messo fuori gioco anche dalla pioggia, dimostrando un coraggio ed un’ abilità sul bagnato davvero da grande protagonista che, a pochi giri dal termine,  ha iniziato a mettere  paura anche a Rossi perché il suo vantaggio si andava assottigliando tanto che sulla linea della bandiera a scacchi il ternano ha accusato appena due secondi di distacco.

Quella del pilota del Team Octo Pramac deve essere considerata a tutti gli effetti come una vera e sorprendente impresa che fuga, se qualcuno ne avesse ancora, i dubbi sull’abilità di guida del pilota ternano.

Vederlo sul podio insieme a Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso è stato emozionante e lo è stato ancora di più ascoltare le sue parole.

” Ho fatto una bella rimonta e quando ho visto che recuperavo anche su Valentino ho pensato solo a raggiungere la prima posizione e non a quelli dietro. Poi gli ultimi due giri ho mollato, anche perché ero riuscito a staccare Dovizioso. Le condizioni erano difficili e un paio di volte ho rischiato di perdere la moto ma ho sfruttato il punto forte della Ducati: la frenata. E’ stato veramente fighissimo andare sul podio, lottare con i migliori, ancora non ci credo: l’ultima curva mi sono messo a ridere e ho pensato “vuoi vedere che adesso mi sveglio tutto sudato nel letto?” e invece non mi sono ancora svegliato… Ringrazio la squadra e tutti quanti – non vorrei scordare nessuno – e soprattutto mamma e papà, che hanno fatto tanti sforzi per farmi correre>>.

Dopo Silverstone la classifica mondiale vede come leader indiscusso Valentino Rossi con 12 punti di vantaggio su Jorge Lorenzo, mentre Danilo Petrucci scala due posizioni e passa all’ottavo posto con 83 punti.

Chi l’avrebbe detto che Danilo avrebbe fatto meglio anche delle Ducati ufficiali!

Crediamo davvero in pochi.