La squadra di Tesser lascia i tre punti nelle mani del Livorno ed ora la situazione in classifica si fa pesante davvero. Le due sconfitte consecutive, infatti, hanno permesso ad alcune compagini in lotta per non retrocedere di raggiungere o avvicinare i rossoverdi che ora devono reagire e trovare la soluzione adatta per venirne fuori. Magari recuperando qualche infortunato, troppo importante per l’economia del gioco.

La sconfitta di Livorno lascia preoccupazione ed amarezza per come è maturata e per gli errori evidenti commessi che hanno risollevato il morale degli amaranto che hanno realizzato tre gol su altrettanti errori della difesa rossoverde. E pensare che Ceravolo aveva portato in vantaggio la squadra di Tesser e che poco dopo aveva sfiorato il raddoppio tra i fischi di disapprovazione dell’Armando Picchi. Ed, invece, di approfittarne la Ternana ha facilitato il compito dei labronici che hanno pareggiato con Luci, lasciato inspiegabilmente lasciato solo in area, e , poi, sopravanzato i rossoverdi con Siligardi sul quale Valjent ha accorciato in vistoso e colpevole ritardo. Concedere questa libertà ai due giocatori del Livorno è stato davvero letale e non è bastata la reazione ad inizio secondo tempo per tornare sul punteggio di parità nonostante due ghiotte occasioni con Valient e Ceravolo. Il terzo gol, bello il gesto tecnico di Pires ma con la complicità di Vitale rimasto immobile, ha chiuso definitivamente il match senza che le sostituzioni di Falletti, giudicata azzardata la mossa di Tesser, di Janse e Viola con Crecco, Bojinov e Palumbo in campo apportassero benefici alla squadra.

Ora è bene non farsi prendere dallo scoramento ma è necessario ritrovare quella grinta ed aggressività agonistica come ha spiegato anche bastrini al termine del match al nostro microfono.

” Sono amareggiato perché non è possibile far gol a Livorno sul proprio terreno e poi gettare al vento il vantaggio con degli errori imperdonabili. Non si può concedere a Luci, il giocatore più basso in campo, di far gol di testa perché lasciato da solo in area. Dobbiamo ritrovare la nostra cattiveria agonistica, dobbiamo essere più concentrati e fare attenzione ad ogni più piccolo particolare. E dobbiamo far presto perché già sabato ci aspetta un incontro difficilissimo a Trapani contro una squadra  che è li a due sole lunghezze da noi.”

Oltre a ritrovare quelle caratteristiche enunciate da Bastrini sarebbe opportuno anche recuperare almeno uno dei tre infortunati e soprattutto Avenatti perché Ceravolo, il migliore dei rossoverdi,  non può essere lasciato da solo in mezzo ai difensori avversari. E ieri né Falletti, né Bojinov lo hanno aiutato.

IL TABELLINO

LIVORNO (3-4-3): Mazzoni; Ceccherini, Emerson, Bernardini; Maicon (20′ st Biagianti), Moscati, Luci, Appelt Pires, Jelenic (11′ st Lambrughi); Vantaggiato, Siligardi (33′ st Galabinov). A disposizione: Bastianoni, Strasser, Gemiti, Rivas, Jefferson, Gonnelli. Allenatore: Gelain.

TERNANA (3-5-2): Sala; Valjent, Meccariello, Bastrini; Janse (15′ st Bojinov), Russo, Viola (31′ st Palumbo), Gavazzi, Vitale; Falletti (24′ st Crecco), Ceravolo. A disposizione: Gava, Ferronetti, Dianda, Piredda, Dugandzic, Milinkovic. Allenatore: Tesser.

ARBITRO: Fabbri di Ravenna

RETI: 9′ pt Ceravolo (T), 28′ pt Luci (L), 34′ pt Siligardi (L), 28′ st Appelt Pires (L)

The video cannot be shown at the moment. Please try again later.