Le due squadre sia affronteranno con lo stesso modulo ovvero 3-5-2

nella foto di Alberto Francioli ( Tele Galileo ) i tifosi salutano la squadra in partenza per il ritiro

 

La squadra è pronta per affrontare il derby di domani pomeriggio al Renato Curi, un derby che manca dalla stagione 2008-2009. Da allora le due società hanno vissuto vicende contrastanti con il Perugia che dopo il fallimento ha dovuto ricominciare dalla serie D e con la Ternana, invece, che  ha riconquistato la serie B dopo averla persa qualche stagione prima.

Due formazioni che si affrontano che sembrano essere in ripresa, ma che nelle ultime giornate hanno vinto davvero poco. Basti pensare che Ternana e Perugia lo hanno fatto una sola volta.

Sarà un derby equilibrato, ma sarà anche un derby che non vivrà di quelle emozioni che negli anni passati ha regalato ai propri appassionati perché questa volta si disputerà con solo 850/900 ternani contro quei 5/6 mila che solitamente erano abituati ad affollare la curva sud del Curi.

E lo spettacolo davvero non mancava sugli spalti dove coreografie, cori e sfottò la facevano da padrone.

Peccato, questo è il calcio di oggi. Il calcio dei divieti che azzerano sempre più la passione e la voglia di assistere alle partite dal vivo.

LE DUE SQUADRE

Sul fronte rossoverde Attilio Tesser è soddisfatto per i recuperi di Gavazzi e di Valjent che in caso di assenze, anche per uno solo dei due, avrebbe comportato uno stravolgimento nel reparto di centrocampo dove anche Russo non è al meglio e dove Eramo sta ancora facendo i conti con il suo infortunio alla spalla.

Resta il dubbio, anche dopo l’allenamento di rifinitura, sul modulo ma è impressione che anche Tesser, come del resto Camplone, opti per il 3-5-2 non escludendo però cambi in corsa.

Ed allora la Ternana dovrebbe proporsi con Brignoli; Meccariello, Bastrini, Popescu; Fazio, Valjent, Viola, Gavazzi, Vitale; Bojinov o Ceravolo, è questo il dubbio della vigilia, Avenatti.

Questi i convocati dal tecnico rossoverde:

Portieri: Brignoli, Sala

Difensori: Fazio,Meccariello, Popescu, Bastrini, Vitale, Janse, Gagliardini

Centrocampisti: Gavazzi, Palumbo, Falletti, Viola, Valjent, Russo, Piredda

Attaccanti: Ceravolo, Diop, Bojinov, Avenatti

Sul fronte del Perugia c’è da segnalare il recupero di Giacomazzi, forse partirà dalla panchina, e quello di Goldaniga che ha scontato la giornata di squalifica, mentre saranno assenti Rabusic, Baldan e lo squalificato Fabinho.

Come detto anche il Perugia giocherà con il 3-5-2, che è poi il  modo scelto da Campione per la stagione in corso dopo il deludente risultato del 4-3-3 proposto fino alla metà della scorsa annata sportiva, e dovrebbe presentarsi con il seguente schieramento: Provedel; Goldaniga, Comotto, Rossi; Del Prete, Verre, Fossati, Taddei, Crescenzi; Falcinelli, Parigini con quest’ultimo che, nelle ultime due giornate, ha dato un bell’aiuto alla squadra con due gol realizzati.