“È inaccettabile che una donna di 94 anni, in carrozzina e con ossigeno al seguito, sia costretta ad affrontare diluvio e allagamenti per ricevere il vaccino”. Così il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca, “a proposito di quanto accaduto nel nuovo centro vaccinale di piazzale Bosco a Terni”.

Sulla questione De Luca annuncia la presentazione di un’interrogazione “per chiedere come la Giunta intenda proseguire le vaccinazioni in un luogo soggetto ad allagamenti ogni volta che piove. Una struttura – spiega – inaugurata il 25 aprile con le solite passerelle del sindaco di Terni, l’assessore alla Sanità, Coletto e la governatrice Tesei. Oggi le fotografie che vediamo non sono quelle di politici compiaciuti, ma purtroppo quelle di una donna seduta su una sedia a rotelle che cerca di ripararsi dalla pioggia scrosciante. L’ennesima pagina di cattiva amministrazione della Giunta Tesei, con un sindaco incapace di pretendere dignità e decoro per i cittadini della sua città a partire dai più fragili”.

“Il centro vaccinale di piazzale Bosco – prosegue De Luca – è una struttura messa su in fretta e furia dopo mesi di ritardi e quadriglie. Per lo stesso scopo sono erano utilizzati prima l’ospedale e poi il complesso di via Bramante. Eppure, tempo per fare le cose per bene ce n’è stato a sufficienza. Una struttura già pronta ed edificata come la Ex Milizia – ricorda – ignorata durante la pandemia come possibile luogo di ricovero nonostante le nostre continue sollecitazioni, avrebbe potuto rispondere anche a questa esigenza”.

“A distanza di quattro mesi dall’inizio delle vaccinazioni in Umbria – continua il capogruppo pentastellato – non abbiamo ancora terminato la somministrazione agli ultra ottantenni, iniziato con tre mesi di ritardo con le persone fragili con patologie gravissime, appena cominciato con gli ultra settantenni, bloccato per settimane la vaccinazione dei conviventi e caregiver delle persone fragili. In compenso, però, facciamo le inaugurazioni. Dopo quella dell’ospedale da campo volato via il giorno dopo, ecco il centro vaccinale allagato dopo 24 ore. Del resto – conclude – l’importante è apparire, sempre in prima fila. Pazienza poi se la politica della Lega per Terni e per l’Umbria sa mettere in campo solo scenografie di cartapesta per scattarsi un selfie”.

 

Sull’argomento intervengono anche i gruppi consiliari al Comune di Terni di M5s, Senso Civico, Pd e Terni Immagina.

“Donna anziana costretta a vaccinarsi sotto la pioggia: il sindaco di Terni e gli assessori chiedano scusa. Leggiamo con sgomento Mia nonna di 94 anni in carrozzina sotto il diluvio in attesa del vaccino – dicono in una nota congiunta il Movimento Cinque Stelle, Senso Civico, il Pd e Terni Immagina – parole a ridosso dell’inaugurazione del nuovo centro vaccinale nel piazzale dell’ex Bosco. Questo avviene a pochi giorni dagli scatti e le dichiarazioni entusiaste rilasciate dal sindaco di Terni, dall’onnipresente assessora Salvati e dagli esponenti della giunta Tesei. Ci saremmo aspettati, dopo quattro mesi dall’inizio della campagna vaccinale, che il tempo a disposizione fosse stato utilizzato per fare le cose al meglio, ma a quanto pare sembra che non sia andata così. Dispiace constatare che anche questa volta il sindaco di Terni si sia dimostrato incapace di pretendere dalla governatrice del suo stesso partito, soluzioni utili a garantire dignità ai cittadini ternani. Curioso che tra tante strutture disponibili si continui a gestire la risposta alla pandemia basandosi sulla politica dei tendoni. Esprimiamo massima solidarietà ai nostri concittadini costretti a subire da mesi scelte prive di logica. Seppur dai banchi dell’opposizione e non compartecipando alle decisioni delle maggioranze di destra, vogliamo ribadire che faremo il massimo per riportare il buonsenso nelle istituzioni ed evitare che in futuro fatti del genere si ripetano”.