“L’Umbria è in ritardo sul fronte della vaccinazione antinfluenzale che, complice la concomitante vaccinazione anticovid, rischia di slittare provocando dei danni incalcolabili, con un maggior rischio di epidemie, di malattie prevenibili e un maggior numero di persone suscettibili in circolazione”: a sostenerlo sono i consiglieri regionali del Partito democratico Tommaso Bori, Simona Meloni, Fabio Paparelli, Donatella Porzi e Michele Bettarelli, che hanno presentato un’interrogazione per chiedere alla Giunta “quali azioni intenda porre in essere per la riorganizzazione del servizio di vaccinazioni”.

“Il tema della riorganizzazione del servizio – spiegano i consiglieri dem – è quanto mai urgente, a fronte delle evidenti necessità di assunzione di personale, della inadeguatezza delle strutture sanitarie, di approvvigionamento delle dosi vaccinali necessarie e per l’ampliamento e la riorganizzazione dei servizi, a fronte della necessaria differenziazione tra vaccini Covid e non Covid”.

Il documento dei consiglieri del Pd sottolinea come, in questo momento, “l’Italia si sta preparando alla grande campagna di vaccinazione contro il virus SarsCov2 con un piano che prevede l’individuazione, in Italia, di 300 punti di somministrazione per la distribuzione di 3,4 milioni di dosi. La prima somministrazione andrà effettuata nelle strutture ospedaliere e in Umbria ne andranno individuate quattro, ognuna per duemila persone in 15 giorni. Le dosi per l’Umbria, nella prima fornitura, sono 52mila, per 26mila persone”. “In questo quadro – proseguono i consiglieri Pd – in Umbria mancano ancora la metà delle dosi del vaccino antinfluenzale per le categorie a rischio, sotto i 65 anni, tra cui i cardiopatici e i pazienti fragili”.