“Chiediamo che il ministro degli Esteri prenda iniziativa per tutelare la Treofan Italy Spa di Terni, anche tramite diretta interlocuzione sia con il Governo che con il suo omologo indiano e con la proprietà Jindal”. È quanto sollecitano in una interrogazione i senatori Stefano Lucidi e Valeria Alessandrini e il deputato Virginio Caparvi, tutti della Lega, in merito alla vertenza che coinvolge l’azienda del polo chimico ternano, posta in liquidazione da Jindal.

“La complessità della vicenda – scrivono in una nota congiunta – passa anche attraverso il percorso tortuoso che partendo dal sito ternano, passa per la Germania, il Lussemburgo, e arriva infine al gruppo multinazionale indiano Jindal Films il cui quartier generale mondiale si trova a New Delhi in India”.

I tre parlamentari evidenziano “il problema di interazione fra entità che non sono poste allo stesso livello di autorità e competenza, sia a livello strategico che di responsabilità”.

Chiedono pertanto che “il ministro intervenga per quanto di sua competenza, anche perché – continuano – ha posto al centro della sua iniziativa ministeriale la tutela, il posizionamento e l’internazionalizzazione delle aziende italiane, tanto da spostare le competenze a riguardo, dal ministero dello Sviluppo economico presso la Farnesina”.