“Da oggi essere positivi in Umbria è una colpa. E costa anche un sacco di soldi. Tutti a carico dei cittadini che in caso di positività al test rapido antigenico o sierologico saranno obbligati a fare a loro spese il test molecolare di conferma in un laboratorio privato”. Così i gruppi di minoranza in consiglio regionale che sulla questione hanno presentato un’interrogazione: “L’ennesima beffa per gli umbri – spiegano le minoranze in una nota congiunta – è stabilita nella delibera di giunta regionale 1139/2020, considerato che la nostra regione è stata tra le prime in cui è saltato il tracciamento dei contagi.

Per questo motivo in molti sono stati costretti a rivolgersi ai laboratori privati, pagando mediamente 40 euro per un test antigenico rapido. Da oggi, se risultassero positivi a questo test, saranno costretti ad effettuare anche il test molecolare di conferma nello stesso laboratorio privato, ma con prezzi che si aggirano tra gli 85 e i 120 euro. E se fino ad ora bastava una ricetta per farsi fare un test rapido in uno dei tanti laboratori umbri accreditati con costi contenuti, ora in caso di positività al sierologico i cittadini saranno costretti ad effettuare il test di conferma persino nella stessa seduta. Con i costi, decisamente più alti, tutti a carico dei pazienti. Un’altra, ennesima, assurda vicenda per la quale abbiamo chiesto tramite interrogazione alla giunta regionale di fare chiarezza. E’ legittimo obbligare quei cittadini che sono risultati positivi ad un test rapido, ad effettuare il test molecolare di conferma nello stesso laboratorio privato a loro spese? Quali possono essere le sanzioni a carico dei cittadini in caso di diniego, rifiuto o impossibilità al pagamento del test di conferma in laboratorio privato?

Ciò non è assolutamente chiaro e andrebbe spiegato anche a tutela dei laboratori privati che andranno a gestire queste situazioni. Riteniamo che il sistema sanitario regionale dovrebbe garantire il più ampio sistema di monitoraggio della popolazione possibile e in caso di riscontro di positività tramite test rapido debbano essere i servizi di sanità pubblica a provvedere alla presa in carico e al relativo approfondimento diagnostico. Riteniamo che una tale decisione sia fortemente discriminatoria nei confronti delle fasce più vulnerabili della popolazione a cui verrebbe negato il diritto di tutelare la propria salute e quella dei propri congiunti. Vista la totale assenza di un monitoraggio sui prezzi dei tamponi molecolari nelle strutture private e alla luce della mancanza di tracciamento degli asintomatici, riteniamo che questa delibera possa generare un potente disincentivo per i cittadini rendendo ancor più inefficace il sistema di tracciamento necessario per contenere la diffusione della pandemia”.

 Fabio Paparelli

Tommaso Bori

Michele Bettarelli

Simona Meloni

Donatella Porzi

Thomas De Luca

Vincenzo Bianconi

Andrea Fora