La senatrice umbra della Lega Valeria Alessandrini ha presentato un’interrogazione alla ministra Lucia Azzolina “perché intervenga per sanare le evidenti disparità, intervenute dopo l’approvazione del decreto Rilancio, che fornisce ai lavoratori docenti e personale Ata aggiuntivi della scuola la garanzia, in caso di un nuovo lockdown e della sospensione delle lezioni in presenza, che dai contratti cosiddetti ‘covid’ da loro stipulati è alienata la immediata risoluzione dell’impegno contrattuale”.

“Tale fattispecie – aggiunge – ha inevitabilmente scatenato le proteste di quanti, spaventati dalla instabilità del vincolo, hanno preferito accettare soluzioni lavorative magari più brevi ma considerate sicure. Non è creando guerre tra poveri che si aiuta la scuola ad affrontare l’emergenza che stiamo vivendo. Azzolina intervenga – conclude Alessandrini – il tempo per sostenere comincia a scarseggiare”.