La Terza commissione dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, ha approvato il Piano di potenziamento della rete ospedaliera conseguente all’emergenza Covid19.

“Il percorso – ha spiegato il direttore regionale della sanità umbra, Claudio Dario – è stato segnato dalle direttive ministeriali cui attenersi per ottenere i finanziamenti. Gli ospedali umbri sono stati suddivisi in Dea (Dipartimento emergenza e accettazione) di I° livello come punti di riferimento per la gestione dell’emergenza e di II° livello, con due tipologie: per l’emergenza e per la gestione della patologia acuta e sub acuta medica e chirurgica ordinaria. Due tipologie anche per gli ospedali di base: quelli per l’emergenza Covid, come Pantalla, e quelli di supporto”.

Individuati come ospedali Covid Pantalla, interamente riconvertito, Perugia e Terni (Dea di II° livello con posti Covid) oltre a Città di Castello e Foligno (Dea di I° livello con posti dedicati al Covid). I posti di Terapia intensiva sono passati da 69 a 119.

Il Piano dovrà ora essere approvato dal ministero della Salute.