Sopralluogo, stamane, del Consiglio provinciale di Terni a Villalago di Piediluco. La visita istituzionale è rientrata nei lavori del Consiglio la cui seduta si è aperta alle 9,30 presso la sala Secci di Palazzo Bazzani. Dopo il punto all’ordine del giorno riguardante la rivisitazione di alcune voci sulla gestione energetica, si è svolto il sopralluogo come richiesto dalla consigliera di Fratelli d‘Italia, Monia Santini. I gruppi consiliari, guidati dal presidente della Provincia, Giampiero Lattanzi, si sono incontrati con l’amministratore della società Delta, Valter Galati, che gestisce il complesso di Villalago essendosi aggiudicata la gara indetta a suo tempo dalla Provincia di Terni.

Illustrando lo stato di avanzamento dei lavori di messa in sicurezza della struttura e del parco Galati, in particolare, a proposito del taglio di alcune alberature è stato sottolineato che questo si era reso necessario per il fatto che, essendo giunte a fine vita, le grosse piante erano pericolose e per consentire la fruizione del parco da parte del pubblico, era necessario eliminarle. Questo non ha determinato danni al patrimonio arboreo che rimane intatto e che sarà valorizzato come da progetto iniziale. Villa Franchetti è invece in buone condizioni generali, dopo alcuni interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e sarà interessata da ulteriori lavori.

Il parco di Villalago potrebbe riaprire al pubblico il prossimo mese di agosto.

“Aver deciso di assegnare la gestione ai privati di Villalago e del parco non aveva l’obiettivo di disinteressarci del bene ma, anzi, di valorizzarlo e renderlo di nuovo fruibile a cittadini e turisti, tenendo conto che i tagli alle Provincie determinati dal tentativo di riforma degli enti non consentiva più all’amministrazione di poter investire né su Villalago, né su altri beni e strutture, non avendo più nemmeno il personale sufficiente”, dichiara il presidente della Provincia Lattanzi che sottolinea come Villalago sia invece “un bene prezioso sia dal punto di vista culturale che turistico e una realtà alla quale, lo sappiamo bene, i ternani sono particolarmente affezionati”.

Sempre Lattanzi sottolinea poi come “Villalago non è in abbandono, il sopralluogo ha dato la possibilità a tutto il Consiglio provinciale di verificare la situazione e lo stato di avanzamento dei lavori, sui quali ho chiesto con fermezza al gestore di poter concludere quanto prima gli interventi per poter aprire il parco ad agosto come prospettato dalla Delta”.

 

Dichiarazioni Santini – “Sono personalmente orgogliosa che anche grazie al mio intervento in Provincia in qualità di consigliere finalmente si possa vedere un po’ di luce nella annosa questione Villalago. Il presidente della Provincia ha reso noto che l’amministrazione segue i lavori a Villalago e il loro stato di avanzamento. La società appaltante, Il Delta Service, – sostiene la Santini – dal 2015, anno in cui si è aggiudicata l’appalto, ad oggi non ha realizzato nulla di quanto era previsto dal contratto per la fruizione del parco.

Il punto principale della questione, quello di primo interesse per la cittadinanza, è che la società appaltante avrebbe dovuto in primis prendersi carico della manutenzione ordinaria in quanto l’area parco di Villalago è disciplinata dalle norme del Prg del Comune di terni nello specifico dall’art.127 che indica che la stessa sia destinata a parco pubblico attrezzato e deve essere mantenuta nel suo assetto naturale. Questo permetterebbe di nuovo, finalmente, l’apertura del parco al pubblico a cui ormai da troppi anni è stata negata la fruizione di un bene pubblico fortemente sentito come la proprietà di Villalago, auspicando fortemente che il tutto possa essere realizzato per la stagione corrente”.