Tommaso Bori, capogruppo del Partito democratico all’assemblea legislativa dell’Umbria, annuncia la presentazione di una mozione per impegnare la Giunta a “riconoscere, promuovere e sostenere il mondo dell’informazione umbra che, pur nelle difficoltà – spiega – continua a svolgere un ruolo importante di servizio pubblico indispensabile per la promozione del pluralismo e la difesa dei diritti dei cittadini”.

Per Bori, “l’accesso all’informazione va considerato come un bene di prima necessità e il lavoro dei professionisti dell’informazione deve essere riconosciuto come servizio essenziale”.

“Il comparto dell’informazione locale – prosegue il capogruppo Pd a Palazzo Cesaroni – versa ormai da anni in una condizione di forte criticità, che ha comportato la chiusura e il ridimensionamento di diverse realtà editoriali, con evidenti e gravi ricadute occupazionali. Situazione – aggiunge – che rischia di aggravarsi ulteriormente a causa dell’emergenza sanitaria in corso e dei suoi effetti sull’economia e sulla società regionale e nazionale che stanno portando ad ulteriore forte contrazione del mercato pubblicitario. Il rischio che stiamo correndo – conclude Bori – è di ignorare i segnali d’allarme che vengono dal mondo dell’informazione e andare verso una desertificazione del mondo dei media locali”.