“Estendere l’obbligo dei vaccini antinfluenzali alle persone sopra ai 65 anni di età e a tutte le categorie più esposte, come gli operatori sanitari, potenziando il servizio alla luce dell’emergenza Covid e avviando una collaborazione con l’Università di Perugia, per la ricerca e la produzione del vaccino da Covid da estendere a tutti, partendo dalle persone a maggior rischio”: lo chiede il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Bori, in una interrogazione alla Giunta regionale.

“I vaccini – spiega – sono una componente fondamentale dei servizi sanitari e la loro leva incide direttamente sul rischio di epidemie, di malattie prevedibili da vaccino che, in questo periodo emergenziale, è necessario ridurre al minimo”.

“Ecco quindi che emerge la necessità – sostiene Bori – di una campagna massiccia di vaccinazione contro l’influenza, nella prossima stagione autunnale e invernale, per ridurre il carico complessivo di infezioni respiratorie nella popolazione, conseguendo una copertura rilevante sulla fascia di popolazione in età lavorativa e agevolando la diagnosi nel caso di insorgenza di sintomi in persone vaccinate”.

“Contestualmente – conclude Bori – serve un impegno per un coinvolgimento diretto dell’Università di Perugia nella ricerca e nella produzione del vaccino per il Covid, affinché possa essere consentito a tutti l’accesso”.