“Nonostante i ritardi e le mancanze della Giunta regionale, l’Umbria è una delle regioni che hanno risposto meglio nel contrasto ai contagi da coronavirus. Hanno fatto la differenza i cittadini rispettosi delle regole e i 12mila operatori sanitari che lavorano senza sosta, dal primo giorno. Da parte nostra c’è sempre stata una dialettica limpida, ma purtroppo ancora nessun contatto con la presidente Tesei”.

Così il capogruppo Pd in Regione, Tommaso Bori, che rilancia dieci interrogativi sanitari “che, al momento sono rimasti senza risposta”. “In primo luogo – spiega – l’obiettivo dovrebbe essere l’attivazione di ingressi e percorsi differenziati per pazienti Covid negli ospedali, che ancora non ci sono. Come non ci sono protocolli regionali omogenei per le aziende ospedaliere e per le aziende sanitarie, e non ci sono neanche strategie per evitare i contagi familiari”.