“Lo abbiamo detto dal primo giorno, quando ancora l’Umbria non era in emergenza: servono mascherine adeguate, guanti, camici e tutti i dispositivi di protezione individuale per garantire la salute degli operatori sanitari in prima linea. Oggi ribadiamo la massima e assoluta vicinanza ai medici che hanno messo nero su bianco la loro preoccupazione per il dover essere in prima linea, senza i necessari e obbligatori dispositivi di protezione individuale”.

Così i consiglieri Bori, Paparelli, Meloni, Bettarelli e Porzi del Partito democratico in merito alle proteste della Federazione italiana medici di famiglia.

“I medici di medicina generale, di continuità assistenziale e i pediatri di libera scelta – spiega il capogruppo Bori in una nota della Regione – sono in prima linea e la loro indignazione, che gli fa arrivare a paventare ‘adeguate misure di protesta’ è comprensibile: i dispositivi consegnati ieri a qualche medico sono, purtroppo, largamente insufficienti”.