“Il nuovo ospedale di Narni-Amelia rappresenta un tassello fondamentale per la sanità ternana e regionale”: lo dice il presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi.

Il progetto, a suo avviso, “da un lato completa e potenzia l’offerta dell’Umbria, dall’altro integra le prestazioni sanitarie garantite dall’azienda ospedaliera Santa Maria, sgravando in parte quella struttura delle prestazioni di primo livello e favorendo così la crescita dell’alta specializzazione”.

Altro elemento fondamentale, secondo Lattanzi, “è quello della risposta all’esigenza di sanità di prossimità che il nuovo ospedale sarà in grado di garantire, migliorando e ammodernando l’offerta dei due attuali presidi sanitari di Narni e Amelia”.

La nuova struttura ospedaliera prevede 140 i posti letto riservati alla medio-bassa specialità di medicina e chirurgia generale, chirurgia ginecologica e ortopedia con trattamenti in ricovero ordinario-day-hospital-day surgery, e 60 posti letto per acuti. Ci saranno inoltre sale endoscopiche e un’area riservata ad un polo di riabilitazione di area vasta dotata di 60 posti letto, in aggiunta ad una rsa con 20 posti.

“E’ un’occasione eccezionale – dichiara ancora Lattanzi – per far crescere la sanità umbra e per agganciare anche la domanda extraregionale sulla quale la Regione ha già detto di voler investire con decisione. Gli iter per la sua realizzazione, tra l’altro, sono già iniziati e sarebbe davvero complicato adesso fermare la macchina, sia da un punto di vista prettamente burocratico-procedurale, sia da quello della ricaduta sociale di una decisione in tal senso”.