“Un governicchio con chiunque sarebbe un disastro per il Paese, la fine del Pd e del progetto Piazza Grande”. È quanto ha scritto stamani il presidente della Regione Umbria ed esponente dei Democratici, Fabio Paparelli, in un post sul proprio profilo Facebook. Il governatore ha individuato tre possibilità di conclusione della crisi di governo in atto.

La prima: “Fare un governo di cambiamento e di alto profilo nelle persone e nei contenuti, penso ai Cantone, ai Giovannini, ai Draghi allo stesso Zingaretti”. La seconda: “Restituire la parola al popolo il 27 ottobre”. La terza è appunto quella del “governicchio con chiunque, che si dovrebbe far carico di una finanziaria durissima, magari solo per sfamare gli appetiti di classe dirigente”, scrive Paparelli. Concludendo che questa terza ipotesi porterebbe l’Italia nel “disastro” e segnerebbe la fine del Partito democratico.