Via libera, da parte della giunta comunale di Terni, alla procedura aperta di gara ad evidenza pubblica europea per l’affidamento della gestione turistico-logistica nell’area della Cascata delle Marmore e del comprensorio integrato.

Si tratta – spiega il Comune di Terni – di un appalto di durata pluriennale, tre anni più due di eventuale rinnovo, divenuto possibile dopo il via libera del ministero degli Interni al bilancio stabilmente riequilibrato dell’amministrazione di Palazzo Spada.

La procedura di gara prevede il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, a partire da un importo a d’asta di circa 1,77 milioni di euro per i primi tre anni.

Tra le novità previste dal capitolato d’appalto, la più significativa è l’inserimento della possibilità per il concessionario di gestire, in modo integrato con la Cascata, anche il sito turistico e archeologico di Carsulae.

“Riteniamo di grande importanza il via libera pluriennale per il nuovo bando europeo della Cascata – ha detto il vicesindaco Andrea Giuli – che ci consente di poter gettare le basi per un ulteriore sviluppo turistico-culturale di questo

gioiello del nostro territorio. L’inserimento di nuovi servizi e, in particolare, la possibilità di una gestione e di una bigliettazione integrata con Carsulae, costituisce – a nostro avviso – il primo, auspicabile tassello per una visione a rete e di più vasto respiro dei beni naturalistici, archeologici, storici e culturali di questo comprensorio, una delle sfide fondamentali dell’attuale amministrazione comunale”.

Dal primo marzo scorso, la gestione della Cascata è stata affidata – per la durata di sei mesi – ad una associazione temporanea d’imprese con capofila Vivaticket.