Ancora audizioni, alla prefettura di Terni, della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati.

Nel tardo pomeriggio di ieri l’Organismo parlamentare aveva ascoltato il prefetto Paolo De Biagi. Nella sua relazione di fronte alla Commissione, ha fatto una panoramica sulla situazione ambientale dell’area. “Terni ha il principale polo industriale della provincia e rappresenta – ha detto – l’area più problematica dal punto di vista ambientale. Per questo, è opportuno garantire una presenza consistente e qualificata degli organismi incaricati di svolgere attività di controllo e verifica”.

In particolare, parlando del Sin di Terni-Papigno, in merito alle criticità ambientali connesse all’area delle acciaierie Ast il prefetto ha spiegato che “gli episodi di inquinamento rilevati in aree del sottosuolo dello stabilimento Ast risultano limitati ad un’area specifica senza contaminazioni di quelle circostanti”.