E’ polemica, a Terni, dopo la decisione del Comune di concedere a CasaPound la sala consiliare di palazzo Spada per la presentazione del libro “Foiba Rossa-Norma Cossetto, storia di un’italiana”, evento previsto domani alle 17.

Stamani in una conferenza stampa il vice presidente dell’Anpi provinciale, Rossano Capputi, assieme ai rappresentanti di altre associazioni, comitati e partiti politici cittadini, ha invitato la cittadinanza a scendere in piazza sempre domani, alle 16, in piazza della Repubblica, per rivendicare “l’identità di una città democratica, accogliente e antifascista”.

In una lettera aperta inviata al sindaco, Leonardo Latini, l’Anpi e gli altri promotori dell’iniziativa chiedono “di fare chiarezza su questa stucchevole vicenda, che ha visto l’amministrazione di Terni “prima giustificare un patrocinio all’iniziativa di CasaPound – riportato nel volantino dell’evento – e “poi negarlo nel giro di poche ore”.

“Come lei ben sa – si legge nella lettera – millantare il patrocinio dell’amministrazione e utilizzare impropriamente il logo comunale è un illecito che un amministratore è tenuto a perseguire. In ogni caso, vista la poca chiarezza che si è determinata, riteniamo utile che nessun rappresentante della giunta sia a presenziare un’iniziativa con quelle caratteristiche”. Alla presentazione del libro è infatti annunciata la partecipazione dell’assessore comunale alle pari opportunità, Elena Proietti.

“In piazza canteremo tutti insieme ‘Bella ciao’ – ha concluso Capputi – non ci piace questo clima di imbarbarimento che sta crescendo, si soffia sul fuoco per aumentare contrasti e divergenze”.