Si è svolta stamani la prima seduta del nuovo consiglio provinciale di Terni. Dieci i seggi assegnati e ripartiti tra centrodestra e centrosinistra che, con la presenza del presidente, Giampiero Lattanzi, mantiene la maggioranza con sei seggi contro cinque.

Il nuovo consiglio durerà in carica due anni decadendo al termine del periodo, in coincidenza con la fine del mandato dell’attuale presidente.

L’assemblea di palazzo Bazzani ha proceduto alla convalida degli eletti e si è poi sciolta per presenziare all’assemblea regionale Upi in programma a Perugia per la designazione dei rappresentanti regionali al congresso nazionale del 12 febbraio.

Durante il suo intervento – spiega una nota dell’amministrazione – il presidente Lattanzi ha formulato gli auguri di buon lavoro a tutti i consiglieri e ricordato che è in atto una discussione sul ruolo che dovranno svolgere le Province italiane. Sottolineando gli impegni di Terni, soprattutto su strade e scuole, il presidente ha toccato due aspetti.

“Il primo – prosegue la nota – riguarda le risorse da riassegnare alle Province per far svolgere loro a pieno il ruolo di enti di area vasta a servizio dei Comuni. Il secondo invece inerente alla necessità di riassegnare agli enti provinciali, anche in Umbria, funzioni e ruoli che erano propri prima della riforma Delrio”.