“Una conferenza programmatica cittadina entro la prossima primavera, per progettare presente e futuro con il contributo di tutti gli stakeholders interessati. E’ quanto ha in animo di fare l’amministrazione comunale ternana “nonostante le perduranti difficoltà legate soprattutto allo stato di dissesto dell’ente, perché il 2019 – si legge in una nota di Palazzo Spada – dovrà essere l’anno in cui cominciare a dispiegare concretamente il proprio programma. In questi primi complicatissimi mesi di governo – sostiene il Comune di Terni – non sono mancati dei primi segnali, tuttavia ci aspettano sfide importanti e situazioni delicate da affrontare. Ci vorrà tempo, ma l’ente dovrà tornare a svolgere, progressivamente, un ruolo centrale e di coordinamento per il rilancio territoriale”.

“Per questo – continua la nota – accogliendo anzitutto le spinte e i suggerimenti che ci vengono dal mondo dell’associazionismo produttivo e di categoria, l’amministrazione comunale intende farsi soggetto propulsore di una grande conferenza programmatica territoriale, da svolgersi in una o due giornate a Terni, entro la primavera prossima. Un confronto necessario e mirato, su temi dirimenti e su alcune priorità decisive per lo sviluppo e l’identità del comprensorio ternano nei prossimi mesi e anni. Turismo, commercio e artigianato, riqualificazione urbana e ambiente, innovazione, logistica e trasporti, infrastrutture, beni culturali e contenitori creativi, sono gli ambiti in il Comune intende misurarsi con tutte le forze vive e propositive della città e del suo comprensorio, ma anche con le altre amministrazioni municipali del territorio. Siamo convinti – conclude l’amministrazione comunale ternana – che, pur nella differenza di ruoli e funzioni, la strada del confronto schietto e costruttivo, della condivisione possibile di progetti e obiettivi, sia l’unica percorribile per rialzare una comunità già ampiamente provata”.