Con 18 voti favorevoli e l’astensione del Movimento 5 stelle, l’Aula di Palazzo Cesaroni ha approvato – a maggioranza – il bilancio di previsione dell’Assemblea legislativa dell’Umbria per gli esercizi finanziari 2019-2021. Il bilancio 2019 ammonta a 18milioni 624mila euro.

É stato il vicepresidente dell’Assemblea legislativa, Marco Vinicio Guasticchi, ad illustrare i contenuti dell’atto nella relazione di maggioranza: “I costi di funzionamento dell’Assemblea – ha detto – risultano ridotti di circa 4milioni di euro dal 2010, quando il bilancio ammontava a 22milioni e 610mila euro.

Il quadro delle SPESE riporta uscite principali relative a indennità degli amministratori regionali (2,9 milioni), assegni vitalizi (3,5 milioni), contributi ai gruppi consiliari (1,8 milioni), spese per il personale (6,6 milioni), acquisizione di beni e servizi (2,4 milioni), fondi per vari organismi (Isuc, Centro studi, Cal, Corecom – 548mila), spese per l’attività istituzionale dell’Assemblea (343mila).

Per quanto riguarda le ENTRATE, queste provengono prioritariamente dai trasferimenti dalla Giunta regionale (18,3 milioni) e dall’AgCom (103 mila euro)”.