Gazebo e seggi aperti in Umbria, domani, dalle 8 alle 20, per eleggere il nuovo segretario regionale del Partito Democratico.

A contendersi la vittoria – e l’onere di ricostruire un partito che alle scorse elezioni politiche del 4 marzo ha registrato una netta sconfitta – saranno l’ex sottosegretario al ministero dell’Interno, Gianpiero Bocci e l’attuale deputato Walter Verini, responsabile nazionale Giustizia del PD.

La battaglia, alla vigilia delle primarie, si e’ concentrata sui seggi, con un ricorso di Verini contro il dimezzamento di quelli di Terni, accolto ieri dalla Commissione nazionale di garanzia del partito.

Sono stati cosi’ aggiunti sei seggi: tre in provincia di Perugia e tre in provincia di Terni, per un totale di 219 in tutta la regione, con oltre 1500 i volontari mobilitati.

Alle primarie potranno votare tutti i cittadini iscritti nelle liste elettorali dei comuni che dovranno portare con se’ un documento di identita’. Ai non tesserati Pd verrà richiesto un contributo di 2 euro. Per studenti e lavoratori fuori sede, giovani tra i 16 e 18 anni e stranieri residenti e’ stato possibile registrarsi su una specifica piattaforma fino allo scorso 11 dicembre.