Il gruppo del Pd al consiglio comunale di Terni ha presentato un atto di indirizzo “a tutela della azienda Afm e dei suoi lavoratori che tenga conto della particolarità dei contratti del personale alle dipendenze delle farmacie pubbliche e che ne garantisca condizioni e retribuzioni al fine di assicurare all’Afm, nell’ambito della riorganizzazione aziendale approvata dalla Giunta, il personale specializzato in grado di affrontare le sfide che la redditività le impone”.

Il documento evidenzia le ragioni per le quali il costo del lavoro nelle farmacie private differisce da quello nelle farmacie pubbliche, indicando gli elementi che fanno variare la retribuzione tra pubblico e privato, mostrando, per le farmacie pubbliche, la necessità di avere maggiore personale, rispetto alle private, sia per la gestione delle aperture nei giorni festivi e prefestivi, sia per l’effettuazione di servizi alla persona che richiedono attività lavorativa specifica con relativi costi di retribuzione. Sottolineata la richiesta dell’approvazione del bilancio 2017, ad oggi ancora non approvato, al fine di difendere la stabilità dell’azienda”.