Con i voti favorevoli della maggioranza e 4 voti contrari dalle opposizioni (M5s, FDI e MistoUmbrianext) l’assemblea legislativa dell’Umbria ha dato via libera alla proposta di legge dell’Ufficio di presidenza (presidente Donatella Porzi, vicepresidenti Marco Vinicio Guasticchi e Valerio Mancini) che prevede una modifica del trattamento economico per il Difensore civico regionale, quantificato nella misura del 25% dell’indennità di carica di un consigliere regionale.

Il trattamento economico annuo per il Difensore civico sarà dunque pari a 19.800 euro, a cui si vanno a sommare gli oneri di legge a carico dell’Assemblea legislativa, i quali non sono quantificabili a priori in quanto legati alle caratteristiche proprie della persona nominata, quali ad esempio l’esercizio di una libera professione o l’appartenenza ad ordini professionali. Tali oneri possono incidere fino a circa il 22% dell’indennità di carica annua lorda.