L’esigenza indifferibile di ridefinire l’assetto delle Province in piena attuazione delle norme costituzionali; le tante criticità della Legge 56/14 da affrontare al più presto; la necessità di garantire nuovo sistema di governo per le Province insieme al consolidamento e l’ampliamento delle funzioni provinciali; l’urgenza di assicurare risorse finanziarie adeguate e il ripristino dell’autonomia organizzativa per consentire a queste istituzioni di tornare ad offrire servizi efficienti ai cittadini. Questi alcuni dei temi affrontati nel documento programmatico “Ricostruire l’assetto amministrativo dei territori” redatto dall’Upi.

A quattro anni dall’entrata in vigore della Legge 56/14 è infatti necessario riflettere, anche nella prospettiva di tracciare un bilancio dell’esperienza fin qui maturata, sugli effetti di una riforma che, non solo è sfuggita ad analisi approfondite ed oggettive, ma si è caratterizzata soprattutto per il forte impatto che ha avuto sulle comunità, incidendo radicalmente sul sistema istituzionale, amministrativo e territoriale del Paese.