Immediata replica del consigliere del Pd Valdimiro Orsini alle parole pronunciate dal Sindaco Leonardo Latini sulla questione dell’incompatibilità. Giunge, anche in questo caso, dal sito istituzionale del Comune di Terni.

“Apprendiamo con stupore – si legge – come per il sindaco di Terni parlare della indecorosa questione delle incompatibilità equivalga ad un veleno. Chiedere il rispetto della legalità – spiega il consigliere comunale del Pd – vuol dire semplicemente chiedere che le regole valgano per tutti. Tutti noi – prosegue Orsini – siamo tenuti al pagamento di tasse, tributi e tariffe, una cosa elementare che vale per i cittadini e per chi li rappresenta. Ma in questi giorni sta emergendo il pensiero autentico di chi si sente sopra le regole, che pensa che pagare le tasse sia roba per comuni mortali. Ora emerge anche che il richiamo alla legalità sia considerato un inquinamento della vita politica perché evidentemente questa è la mentalità di chi ha utilizzato anche in passato queste argomentazioni, con il richiamo alla legalità non perché si creda nell’autentico rispetto delle norme ma perché serve a colpire l’avversario. Per noi invece – aggiunge – la legalità è un valore assoluto, non a senso unico. Se nel passato ci sono stati errori nessuno ha mai chiesto di chiudere un occhio ma un sereno accertamento della verità. Ora – conclude Valdimiro Orsini – chiediamo al sindaco, invece di scrivere comunicati e post su Facebook, di far tornare quanto prima in attività il consiglio comunale al momento sospeso sine die perché la maggioranza non sa affrontare il tema delle incompatibilità e soprattutto della veridicità delle dichiarazioni firmate al momento della accettazione delle candidature e delle cariche”.